PARCHI SILA-POLLINO: E' ALLARME “LUPI”

lupi
Come nel parco d’Abruzzo (le foto si riferiscono ad animali uccisi nel parco d’Abruzzo) anche nei parchi del Pollino e della Sila si rinvengono segnali preoccupanti di lupi che sbranano altri animali da pascolo, determinando danni ai produttori agricoli. A rispondere a mo’ di risarcimento è l’ENTE parco a cui però pochi imprenditori ricorrono a causa dell’iter farraginoso e per i costi a cui devono andare incontro. Al fine di risolvere il problema alcuni propongono l’introduzione nel parco di specie animali facilmente riproducibili ( es. capriolo … ecc…) allo scopo di mantenere inalterato il giusto equilibrio della natura. (fonte il Garantista)

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Silvio Carrieri ha detto:

    Scusate ma chi fa’ questi articoli? Come fa la predazione (atto naturale) da un lupo a creare problemi agli agricoltori, al massimo li crea agli allevatori! !!??? Ma poi sapete che a parte la burocrazia il sistema di compensazione dei danni funziona e ogni anno gli Ente Parco provvedono a liquidare questi danni a volte anche generosamente … insomma mi sembra più una notizia approssimativa più che una informazione precisa e verificata! Provvederò a segnalarla all’Ente Parco per una doverosa replica!!!

    • Informazione e Comunicazione ha detto:

      Egr. Sig. Carrieri, nel ringraziarla per l’intervento partecipativo, facciamo ammenda circa il giusto e opportuno distinguo allevatori/agricoltori frutto di una distrazione. Tuttavia cogliamo l’occasione per ribadire la nostra totale e favorevole apertura a ospitare opinioni anche e soprattutto contrarie, indice di partecipazione, confronto e democrazia. Non condividiamo però l’approccio di sufficienza nei toni di alcuni commenti, né siamo propensi a ospitare saccenti e/o detentori di verità assolute. Veniamo al merito: anche nel Suo intervento, si conferma il danno che i lupi arrecano alla natura, tanto è che l’ente Parco è costretto a ricorrere a risarcimenti, fondi di noi tutti cittadini. Abbiamo raccolto testimonianze di allevatori e agricoltori(in questo caso i lupi c’entrano poco- si tratta di mandrie selvatiche che distruggono intere coltivazioni) che non ricorrono ad azioni risarcitorie poiché ritengono l’iter farraginoso e costoso. Tutto qui! Infine al fine di favorire un giusto equilibrio della natura ed evitare i danni a cui si faceva riferimento si è proposta l’introduzione di nuove specie animali facilmente riproducibili. Ben venga anche il punto di vista dell’ente Parco su questi temi. Grazie per l’intervento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.