Ospedale di Castrovillari, Laghi: «Ora Graziano passi dalle parole ai fatti»



CASTROVILLARI – «Siamo compiaciuti del fatto che l’Unità complessa di Cardiologia dell’ospedale di Castrovillari, diretta dal dottor Giovanni Bisignani, sia tra i migliori centri europei a dotarsi di un dispositivo innovativo per la modulazione della contrattilità miocardica nei pazienti affetti da scompenso cardiaco. Una bella notizia che ci riempie d’orgoglio e che conferma una volta di più l’alto valore professionale dell’équipe della Cardiologia del “Ferrari”». È quanto afferma il capogruppo di “De Magistris Presidente” in Consiglio regionale, Ferdinando Laghi.

«Tuttavia – prosegue il capogruppo – non si può non rilevare come le parole di apprezzamento del commissario dell’Asp di Cosenza, in merito al prestigioso risultato conseguito dal dottor Bisignani, corrano il rischio di rimanere fini a sé stesse. Ci auguriamo, infatti, che alle dichiarazioni seguano i fatti e che l’ospedale di Castrovillari venga messo quanto prima nelle condizioni di operare in maniera ottimale per Cardiologia e tutte le altre Unità Operative. Troppe le criticità che, ancora oggi, dopo anni di malgoverno sanitario, affliggono i vari reparti, a cominciare dalla cronica carenza di personale medico e paramedico che io stesso ho ripetutamente denunciato negli anni. Disporre delle tecnologie più avanzate deve coniugarsi con le risorse umane necessarie».

«Pertanto – conclude Laghi – il nostro auspicio è che il commissario ASP Graziano sia consequenziale a quanto ha affermato nella sua intervista e che l’Azienda sanitaria intervenga in maniera celere per il reclutamento di nuovo personale, in tutte le Unità Operative che ne necessitano e che si definisca, finalmente la vicenda della Riabilitazione Intensiva che da paradossale è ormai divenuta, da tempo, scandalosa. Una Sanità efficiente e di qualità per la popolazione del Pollino- Esaro- Sibaritide, così tanto prefigurata e decantata a parole, non può più attendere». (comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.