Ospedale Cariati. Greco: Da Gino Strada parole di verità. Fondatore Emergency invitato insieme a Longo al Consiglio del 4

Cariati – Non abbiamo mai avuto dubbi sulle capacità e sulla libertà di autonomia, di analisi e di proposta che hanno da sempre caratterizzato e distinto nel mondo l’impegno umanitario e di progetti di responsabilità sociale, culturale, etica e sanitaria di cui Gino Strada si è fatto e continua a farsi attore protagonista. È per questi motivi che sin da subito abbiamo accolto con soddisfazione l’individuazione nel fondatore di Emergency come una fra le soluzioni più utili ed efficaci per contribuire, in parallelo ad altri interventi strutturali, al governo dell’emergenza sanitaria in Calabria con ed oltre la pandemia in corso.

È quanto dichiara il sindaco Filomena Greco esprimendo a nome dell’intera comunità grande soddisfazione per le parole di verità, sulle condizioni attuali e sulla necessità e possibilità concreta di riaprire subito l’ospedale di Cariati.

Sono stati svelati e distrutti in un attimo con la fotografia dei fatti contenuta nelle affermazioni di Gino Strada il silenzio, l’immobilismo ed in alcuni casi l’indifferenza – continua il Primo Cittadino – che da oltre 10 anni si continua a dimostrare a più livelli rispetto a questa evidenza e che anche in questo momento complicato non riesce a produrre, soprattutto da parte del Governo nazionale, una decisione chiara, veloce e definitiva sulla reimmissione del Vittorio Cosentino nella rete ospedaliera regionale. Nel ribadirgli – aggiunge – stima e gratitudine per aver di fatto condiviso con questo territorio la storica battaglia unitaria per la garanzia del fondamentale diritto alla salute per tutti e per la sanità pubblica, cogliamo l’occasione per invitare ufficialmente Gino Strada, amico dei calabresi e insieme a lui il neo Commissario alla sanità calabrese Guido Longo a partecipare al consiglio comunale straordinario sulla sanità che è stato convocato per venerdì 4 dicembre (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *