Musei D’impresa. Amarelli modello nazionale, made in Italy: racconto passa da creatività

CORIGLIANO – ROSSANO. Dalla Giornata nazionale della Famiglie al Museo dedicata ai più piccoli all’evento promosso dall’ASDI – Associazione Dimore storiche Italiane dal titolo Carte in dimora – Archivi e Biblioteche. Storie tra passato e futuro fino alle Giornate europee del Patrimonio dedicate per l’edizione 2022 al patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro. – Il Museo della Liquirizia Giorgio Amarelli, promosso dai media nazionali ed internazionali come autentico modello di impresa culturale, continua a fare di Corigliano – Rossano una destinazione turistico-culturale, tappa obbligata per chi visita il territorio ed aperta a tutti.

Ad esprimere soddisfazione per la continua attenzione riservata al presidio culturale che dal 2001, anno della sua inaugurazione, continua a raccontare ai suoi ospiti la storia della plurisecolare esperienza imprenditoriale e familiare che incontra e si mescola con quella del territorio è Pina Amarelli, Cavaliere del lavoro ed Alfiere del Made in Italy.

Marchio di fabbrica. È, questo, il titolo dello speciale che da ultimo il sito di attualità nazionale, TAG43, dedica ai musei aziendali distribuiti lungo lo Stivale e che vale la pena visitare.

Puntano – si legge nel servizio – sull’appeal della creatività italiana, i musei aziendali. E, operando tra comunicazione e tutela del patrimonio, non si limitano al ruolo di contenitori espositivi, ma organizzano mostre, seminari, convegni, con un occhio di riguardo anche per la ricerca e i restauri. Sono piccole o grandi realtà, che tramandano i segreti del Made in Italy, spesso in equilibrio tra dimensione artigianale e competitività mondiale. Molte di queste istituzioni sono associate nella rete Museimpresa (museimpresa.com).

Tag43 propone le cinque esperienze che da Nord a Sud avvicinano al design, alla gastronomia e alla moda. Dal Museo dell’Olivo Carlo Carli a Imperia fino a quello romano della Birra Peroni, passando per Ferragamo, la liquirizia Giorgio Amarelli e Alessi a Crusinallo di Omegna. Cinque mete per apprezzare i segreti del Made in Italy.

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *