Metro Cosenza-Rende-Università, i grillini contrari

Cosenza – «Non cambia idea il MoVimento 5 stelle circa la metro Cosenza -Rende – Unical. Un’opera a grande impatto, ambientale ed economico, avulsa dal contesto territoriale dei comuni che servirà. Per queste ragioni il M5S sarà in piazza XI Settembre lunedì 18 giugno al fianco del Comitato NoMetro. Ci schiereremo al fianco dei cittadini traditi da due sindaci, Occhiuto e Manna, che avevano fatto del no alla metro il proprio cavallo di battaglia in campagna elettorale, salvo cambiare idea una volta accomodati sulle poltrone municipali».

L’europarlamentare Laura Ferrara, i parlamentari nazionali, Anna Laura Orrico, Alessandro Melicchio, Nicola Morra e Massimo Misiti, i consiglieri comunali Domenico Miceli e la neo eletta Michaela Anselmo portano avanti con convinzione le ragioni del no alla metro. Cosenza e Rende – affermano – non hanno bisogno di una metropolitana per essere collegate.

«Tutta l’inutilità di questa opera è stata sottolineata con interrogazioni al Parlamento ed alla Commissione europea a cui è stata contestata l’ingente somma che si investe per un intervento smisurato rispetto al bacino di utenza che prevede di servire. Un’opera datata, sovradimensionata, che si trasformerà in maggiori uscite per la gestione che ricadranno tutte sulle casse comunali e regionali. Si tratta di un’abbuffata di soldi pubblici ad esclusivo beneficio di pochi noti. Milioni di euro che non saranno spesi negli interessi di una collettività. C’era una proposta alternativa sul tavolo, mai presa in considerazione – concludono – con una rivalutazione dell’analisi dei costi-benefici, compresa un’analisi economica e finanziaria e una valutazione dei rischi non era difficile pensare di spostare il finanziamento verso un’idea di mobilità che rispecchiasse realmente e concretamente le esigenze del territorio». (comunicato)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *