Terzo incontro pubblico del Comitato MAGNA GRAECIA che si batte per la revisione geografia delle 5 province calabresi esistenti. La proposta prevede l’istituzione della provincia Magna Graecia e due capoluoghi a Nord Corigliano Rossano a Sud Crotone. Nei giorni scorsi è stato presentato il REPORT che spiega nei dettagli i contenuti e l’iter legislativo da seguire. Presenti, rappresentanti di partito, candidati al consiglio regionale, sindaci e amministratori, associazioni e movimenti. Nel corso della serata è stato presentato il REPORT ed è stata annunciata la costituzione di presidi d’area per ciascun comune incluso nella proposta.

Tra i presenti il sindaco di Terravecchia Mauro Santoro che ha proposto l’istituzione di una delibera unica da approvare nei vari consigli comunali. In sala anche altri amministratori, tra cui Mandatoriccio e Crosia. Molti i punti in comune tra l’area pitagorica e della Sibaritide a partire dal capitolo delle infrastrutture, statale 106, aree costiere e pedemontane, traffico su rotaia, vie del mare, scalo aeroportuale di Crotone, giustizia, sanità, turismo, agricoltura. Tutte battaglie che devono essere affrontate da una comune classe politica.

 

Una grande battaglia di dignità territoriale e di equità sociale che per la prima volta accende i riflettori su una fascia di territorio da sempre dimenticato e isolato dallo Stato e dalle Istituzioni regionali.  Circa 80 le adesioni al momento registrate dal comitato, tra associazioni, rappresentanti di partito, movimenti e cittadini. La pagina facebook è in costante crescita oltre 8500 like in poco più di 4 mesi.  L’organismo civico ha già avviato le prime interlocuzioni con l’ufficio legale al fine di completare l’istruttoria nel più breve tempo possibile.