Lavoro nero e sicurezza. Chiesta la convocazione di una conferenza



Corigliano Rossano – Dura presa di posizione della Cgil sulla questione del lavoro nero, della sicurezza, nei cantieri edili pubblici e privati. Chiesta l’istituzione di una conferenza permanente. L’invito è rivolto al Prefetto di Cosenza, all’ispettorato territorio del lavoro di Cosenza, ai sindaci dell’intera provincia. Di seguito la nota integrale:

«La scrivente O.S. a seguito della ormai insostenibile situazione inerente la mancanza di sicurezza nei cantieri edili Pubblici e Privati nonché dell’aumento vertiginoso del Lavoro Nero non solo nel settore edile, certificati purtroppo dai drammatici dati pubblicati dalle Istituzioni interessate e dalle quotidiane notizie relative a gravissimi incidenti sul lavoro, chiede, l’autorevole intervento di S.E. il Prefetto affinché si faccia promotore della convocazione del tavolo per la Conferenza Permanente Territoriale che riteniamo ormai necessario e non più rinviabile.

                  Sono Ormai Quotidiane le notizie sulle drammatiche condizioni nelle quali la maggior parte dei Lavoratori nel nostro territorio è costretta a convivere per lavorare. Il continuo ricatto occupazionale la mancanza ormai cronica di Lavoro che nel migliore dei casi può essere considerato Lavoro grigio, impongono a noi tutti una seria ed attenta riflessione che poi venga immediatamente trasformata in azioni concrete atte a DEBELLARE, tutte le situazioni ormai croniche ed incrostate. Lavoro Nero, grigio, mancata applicazione della normativa, dumping contrattuale, ricatto occupazionale e malaffare condizionano e danneggiano il mercato del lavoro regolare e purtroppo imperversano in lungo ed in largo nell’intero territorio della Nostra Provincia.

                  Sicuri, dell’azione continua e meritoria delle forze dell’ordine e degli enti preposti alla vigilanza ed al controllo, CHIEDIAMO, che questo sforzo venga coordinato e reso permanente attraverso il tavolo della Conferenza come più volte auspicato».

                 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.