La terza domenica di maggio a Rossano è la festa di Sant’Onofrio

Corigliano Rossano – La terza domenica di maggio, nella comunità di Rossano si celebra Sant’Onofrio.

Una festa dei pastori e del popolo (una delle più antiche d’Italia) invoca la protezione del Santo eremita persiano-egiziano per propiziare una proficua stagione della transumanza.

È una giornata molto partecipata e soprattutto è una festa sentita dai cittadini dei paesi montani della Sila Greca: Rossano, Longobucco e Paludi.

Il perno della festa è il simulacro del Santo: una statua lignea di straordinaria bellezza, che ritrae il Santo eremita seminudo e in regale posa, con barba e capelli lunghi.

La piccola chiesa è ciò che resta dell’omonimo Monastero, edificato tra il VI e il X secolo, da monaci calabro-greci onofriani che si richiamano al modello e allo stile di vita ascetica di Sant’Onofrio.

Nota storica: La notte tra il 5 e il 6 gennaio del 983; i Saraceni (musulmani della Sicilia), dopo aver risalito il torrente Colognati ed essersi nascostisi nella boscaglia, attesero e attaccarono i presenti, che, nonostante la loro eroica resistenza, furono sopraffatti, tanto che molti furono uccisi; soltanto pochi riuscirono a fuggire ; dopo di che i Saraceni, prima di ritirarsi, abbatterono il Monastero.

I superstiti, negli anni successivi, costruirono con i resti del complesso monastico un Oratorio, sempre dedicato a Sant’Onofrio.

Da cosicomera_coro (profilo Instagram) 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *