Inchiesta “Olivo – Acri”, disposta l’imputazione coatta per l’indagato

 

Corigliano Rossano – Disposta l’imputazione coatta sulla morte di Daria Olivo, Pier Emilio e Stanislao Acri. Il Gip, dopo avere assunto le tesi della difesa,  ha tramesso il fascicolo in procura per formulare l’imputazione. Del caso si era occupata la testata giornalistica “informazione&comunicazione”.    Di seguito il servizio: https://youtu.be/giqKpJGEPJg

Importante ruolo è stato svolto dall’Associazione Basta Vittime della 106 in tema di sensibilizzazione. Il servizio: https://youtu.be/cFcsJqMi0Aw

La stessa associazione ha diffuso in queste ore una nota:

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ricorda che la Procura della Repubblica di Cassino ritenne non vi fossero responsabili per la morte di Stanislao Acri della moglie Daria Olivo e del piccolo Pier Emilio tanto da presentare richiesta di archiviazione del procedimento penale.

In riferimento a ciò, è stata presentata opposizione alla richiesta di archiviazione dai legali della Famiglia Acri in quanto la richiesta di archiviazione è stata ritenuta palesemente infondata. Negli atti, gli Avvocati Antonio Cozza e Nicodemo Gentile hanno evidenziato la piena responsabilità dell’indagato.

In data odierna dinanzi al giudice dell’indagine preliminare di Cassino è stata discussa la richiesta di archiviazione e le opposizioni, evidenziando la piena responsabilità nella causazione del sinistro in capo all’indagato. Il giudice dopo aver letto le opposizioni dei legali Cozza e Gentile, ed ascoltato le loro esposizioni nell’immediatezza ha disposto l’imputazione coatta dell’indagato trasmettendo il fascicolo alla Procura della Repubblica di Cassino affinché formuli il capo di imputazione e trasmetta il fascicolo al giudice dell’udienza preliminare per fissare l’udienza. Nell’ordinanza viene sottolineata l’esigenza di effettuare una perizia per ricostruire effettivamente quello che è successo e stabilire tutta la verità in modo preciso a partire dall’orario del sinistro in quanto ad oggi tale dato è incerto.

Su quanto accaduto oggi queste le dichiarazioni degli Avvocati Antonio Cozza e Nicodemo Gentile rese alla nostra Associazione: «in questa fase dovevamo impedire che fosse scritta processualmente la parola fine in questa triste vicenda. Professionalmente siamo molto soddisfatti in quanto è difficile che un giudice si sostituisca al pubblico ministero e disponga l’imputazione coatta dell’indagato. Significa che ha accolto pienamente le nostre richieste difensive. Ci sarà pertanto un udienza preliminare e cercheremo di far emergere la piena responsabilità dell’imputato».

«La commozione e la gioia che in questo momento sia io che gli altri componenti del Direttivo stiamo provando è indescrivibile» – commenta Fabio Pugliese, Presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. «Abbiamo sperato – continua Pugliese – che questa tragica vicenda non venisse archiviata poiché siamo da sempre convinti che Daria, Pier Emilio e Stanislao meritassero verità e giustizia.

«Oggi è una giornata di sole – va avanti il Presidente Pugliese – per l’intera Calabria. La Magistratura, quella con la “M” maiuscola, forte come il vento di tramontana che oggi soffia su Corigliano Rossano, pretende esattamente come noi verità su un tragico incidente in cui vi sono molti i lati oscuri e non chiariti».

«Sento di dover rivolgere un pensiero alle Famiglie Acri e Olivo ed in particolare a Francesca, la sorella di Stanislao, perché con il suo esempio ha fatto capire a me ed alla nostra Associazione quanto possano diventare forti le donne calabresi quanto si tratta di difendere i loro amori. Mentre voglio dedicare questo risultato importante a tutti coloro i quali ci hanno aiutato ed a una persona speciale in particolare: a Mons. Luigi Renzo, Vescovo di Mileto – Nicotera per la sua sconfinata sensibilità e la sua straordinaria e costante vicinanza».

L’Associazione, infatti, coglie l’occasione di ringraziare quanti decisero di sottoscrivere l’appello:  Mons. Luigi Renzo, Vescovo di Mileto – Nicotera – Tropea, Ing. Francesco Mauro, Sindaco di Sellia Marina (CZ), Pasqualino Sebastiano De Rose, Sindaco di Altilia (CS), Agostino Chiarello, Sindaco di Campana (CS), Avv. Antonella Leone, Sindaco di Pedivigliano (CS), Filippo Caruso, Vicesindaco Comune di Paludi, Salatino Luigi, Assessore Comunale di Paludi (CS), Pietro Mingrone, Consigliere Comunale della Città di Corigliano Rossano (CS), , Ambrosano Vincenzo, Consigliere Comunale di Paludi (CS), Giuseppe Leotta, Consigliere Comune di Paludi (CS), Franca Salatino, Consigliere Comunale di Paludi (CS), Giuseppe Tagliaferro, Circoli del PD di Corigliano-Rossano (CS) , Daniela Natoli, Segretaria Circolo Fratelli d’Italia – Bova Marina (RC), Francesco Beraldi, Presidente Federimprese Calabrisa – C.L.A.A.I., Luigi Campana, Segretario Generale UILTEC Calabria, D’Amico Antonio Maria, Presidente FITA (Federazione Italiana Teatro Amatori), Comitato Provinciale di Cosenza, Luis Fusaro, Presidente della Interable Research Foundation, Ivan Alfieri, Presidente IMED – Istituto Mediterraneo del Design, Nilo Lefosse, Presidente FIDC (Federazione Italiana della Caccia) Sezione di Rossano (CS), Massimo Leuzzi, legale rappresentante ISIM Catanzaro, Corapi Viatliano, Presidente Ordine Farmacisti Catanzaro e componente comitato centrale FOFI, Fabio Pugliese, Presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, Dott. Sante Pirillo, Presidente Associazione Giovani Farmacisti Provincia di Cosenza, Federico Smurra, Presidente della Pro Loco “Rossano La Bizantina”, Marco Soliberto, Presidente Ass. Stella Cometa Onlus di Cosenza, Francesco Caligiuri, Presidente Associazione “Con-Tatto”, Ercolino Ferraina, Presidente Associazione Internazionale Centro Arte Club, Francesco Pirillo, Presidente Associazione dei Viaggiatori “Pendolari 106”, Pia Meringolo Presidente Associazione ATON (Rende, CS), Dott.ssa Paletta Vittoria, Presidente Associazione A.GE, Assunta Spasari, Presidente Associazione di Promozione Sociale MaMa (Badolato, CZ), Bevacqua Giuseppina, Presidente dell’Associazione Imforma, Francesca Lupo, Presidente dell’Associazione Culturale Ruskia di Corigliano-Rossano, Giovanni Fragale, Presidente  Associazione ANTEAS ROSSANO, Francesco Polimeni, Presidente Organizzazione Volontariato “INSIEME” – ROSSANO, Antonio Trento, Presidente Associazione Capodanno in Paradiso.- Cariati ( Cs), Francesco Filareto, Sindaco emerito di Rossano, Presidente Centro Studi “Calibytense Nostrum” e “Il Cenacolo degli Artiti”.

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 27 Febbraio 2020

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *