Impianto di Bucita chiuso, per tre giorni rifiuti verso Reggio Calabria

Continua lo stato di emergenza rifiuti nella sibaritide. L’impianto di Bucita è chiuso da diversi giorni per ragioni tecniche.

Sono ormai centinaia le tonnellate di rifiuti per le strade della Sibaritide. Sulla questione è intervenuta la consigliere regionale di Forza Italia Pasqualina Straface: “È sotto gli occhi di tutti la vera e propria emergenza rifiuti, con annesse e derivanti conseguenze di carattere igienico-sanitario oltre che di disagio per le popolazioni interessate, che si registra nella città di Corigliano-Rossano ed in altri comuni del comprensorio. Una situazione inaccettabile, che offende il decoro dei territori e rende invivibile la stessa quotidianità ai cittadini, per la cui risoluzione celere ed efficace mi sono immediatamente attivata presso i preposti uffici della Regione Calabria, che con sollecitudine e dedizione hanno avviato una serie di azioni a dir poco significative”.

L’onorevole Straface evidenzia poi come la Regione si sia immediatamente mobilitata: “Lo stesso Ente regionale, richiamando alle proprie responsabilità gli Ato (Ambiti Territoriali Ottimali) e andando ben oltre le rispettive competenze istituzionali pur di addivenire ad un esito positivo della vicenda, si è mobilitato già il giorno successivo, venerdì 19 novembre, inviando formale diffida nei confronti della società Ekrò Scarl al fine di riattivare con immediatezza l’erogazione del servizio pubblico essenziale di gestione dei rifiuti urbani nell’impianto pubblico di trattamento dei rifiuti di Rossano, consentendo così ai Comuni il conferimento del rifiuto urbano residuo. Inoltre, vista la necessità di avere conferimenti alternativi di rifiuto indifferenziato, in quanto l’impianto situato nel territorio di Corigliano-Rossano nell’ultimo periodo non riesce a garantire la totalità del trattamento dei rifiuti prodotti, ha disposto che a far data da oggi, 23 novembre, e fino al prossimo giovedì 25 del corrente mese, in via eccezionale e d’urgenza, un quantitativo complessivo di 60 tonnellate al giorno dei rifiuti urbani con codice EER 20.03.01 prodotti in città siano conferiti presso l’impianto di trattamento di Reggio Calabria, sito in località Sambatello.”

Il sistema regionale è al collasso, con blocchi dei conferimenti sistematici; cosa che succede almeno una volta ogni due mesi. Una situazione insostenibile; se da una parte il consigliere Straface ricorda che l’emergenza rifiuti, cui esclusiva competenza ricade sull’Ato di riferimento, dall’altra il sindaco Stasi aveva chiesto al neo presidente Occhiuto, di porre attenzione con somma urgenza alla questione rifiuti. L’emergenza rifiuti, chiosa infine la Straface, sarà uno dei temi centrali dell’agenda istituzionale portata avanti dalla Regione Calabria.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *