Il dossier di Carlo Tansi sulla protezione civile in Calabria

allerta meteo

Un dossier contenente sprechi e stipendi onerosi nel mondo della protezione civile in Calabria. Il capo di dipartimento Carlo Tansi va giù duro e non risparmia colpi anche contro politica e sindacati. Il Quotidiano del Sud ci mette mano e racconta fatti e circostanze senza risparmiarsi.  Si parla di  stipendi di dipendenti addetti a funzioni operative (autisti, personale di sala operativa.) con importi da capogiro fino tra i 6.000 ed i 7.000 euro mensili. Gestione amministrativa pessima con danni all’erario per svariati milioni di euro.  «Su 180 dipendenti ben 90 erano in sala operativa». E solo tre laureati in discipline tecniche.  Autisti senza patente di guida per mezzi speciali.  Insomma il solito carrozzone tutto in salsa calabrese.

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.