Grillini all’attacco, con-fusione sulla sanità



Nessuna fusione di comuni può modificare la riorganizzazione dei servizi sanitari sul territorio calabrese. Come è falsa la notizia dell’imminente uscita della Calabria dal Piano di rientro dal disavanzo sanitario regionale.
Non ha dubbi il portavoce del M5S, Francesco Sapia, nel ritenere non vere le informazioni date nei giorni scorsi da qualcuno interessato a proposito dei servizi sanitari che dovrebbero migliorare una volta fatta la fusione dei comuni di Corigliano e Rossano.
“In questo momento storico – afferma Sapia – la sanità è gestita dal governo centrale. La Calabria, ricordo, è commissariata per l’attuazione del Piano di rientro dal disavanzo sanitario, come previsto dalla Costituzione all’articolo 120 e dalle leggi.
Ricordo che la Calabria è finita in Piano di rientro, e poi in regime di commissariamento, perché ha sforato in abbondanza l’equilibrio di bilancio cui anche la sanità, purtroppo, è soggetta per via del sistema monetario vigente, che tra l’altro ha imposto il pareggio di bilancio in Costituzione e il fiscal compact, per cui il rapporto tra debito pubblico e Prodotto interno lordo dovrà essere ridotto al 60% nel giro di 20 anni.
Questo comporterà tagli immani, soprattutto a servizi e diritti fondamentali, tra cui il diritto alla salute. Fornisco alcuni numeri, sfidando chiunque a smentirmi.
Il debito della Calabria per la sanità era, nel 2010, per quanto accertato, di 2,2 miliardi di euro. Di questi, 2 miliardi sono stati coperti con 1,1 miliardi di fondi Fas, destinati invece allo sviluppo della regione, e 900 milioni di mutuo con il Tesoro, con rata da 30 milioni all’anno per 30 anni. I restanti 200 milioni di debito sono stati parzialmente recuperati chiudendo ospedali e sfruttando gli oltre 4 mila pensionamenti di medici, infermieri, Oss e tecnici mai più rimpiazzati.
Soltanto il Movimento 5stelle, con in testa la deputata capogruppo in commissione Sanità Dalila Nesci, ha posto la questione dei minori trasferimenti ricevuti dalla Calabria dal Fondo sanitario. Ecco chiarito, dunque, che la fusione dei comuni non c’entra nulla con i nodi della sanità regionale”.
La questione sanitaria tiene banco a causa degli interventi di depotenziamento avvenunti nel corso degli anni. I pentastellati si dicono contrari al processo di fusione dei comuni di Coriglinao e di Rossano. Nei giorni scorsi hanno tenuto una iniziativa a Schiavonea al fine di sensibilizzare circa l’esigenza del “no”. Sul fronte opposto il comitato delle cento associazioni va avanti spedito per la sua strada e sta lavorando nella direzione di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica istituendo apposite commissioni. La sfida è d’altronde dura. Ci sono da un lato i conservatori, dall’altro i progressisti. La campagna elettorale è ormai in atto. E si preannunzia ricca di insidie. L’importante è che il dibattito si mantenga sui binari della democrazia e del rispetto delle posizioni, evitando l’innalzarsi di vecchi focolai.

(fonte: La Provincia di Cosenza)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.