Giustizia, la Valle del Trionto avrà il suo ufficio di prossimità

CROSIA – La Regione ha approvato la graduatoria provvisoria dei Comuni idonei alla Manifestazione d’interesse per la creazione di 25 nuovi Uffici di Prossimità secondo lo schema di una nuova governance dei servizi giudiziari varata dal Ministero della Giustizia. La Valle del Trionto (Crosia capofila, Bocchigliero, Calopezzati, Caloveto, Cropalati, Longobucco, Paludi e Pietrapaola), è risultata prima tra i comuni e le unioni di comuni calabresi assegnatari di un Ufficio di Prossimità. Russo: «I cittadini del nostro territorio avranno un nuovo sportello volto a colmare il profondo gap che si registra ad oggi nell’erogazione dei servizi giudiziari».

Questo è quanto fa sapere il sindaco di Crosia, Antonio Russo, che è già a lavoro, insieme agli uffici comunali, per individuare la nuova sede in cui, nelle prossime settimane, non appena saranno avviate le procedure esecutive previste dal PON Governance e Capacità Istituzionali 2014-2020 della Regione Calabria, sarà insediato il nuovo Ufficio di Prossimità, in grado di offrire servizi omogenei in materia di volontaria giurisdizione.

«Sono anni – aggiunge Russo – che denunciamo la precarietà dei servizi giudiziari nel territorio della Valle del Trionto, che era e rimane il più penalizzato per gli effetti dell’allora riforma della Geografia giudiziaria e dell’accorpamento dell’allora Tribunale di Rossano a quello di Castrovillari. Oggi, grazie ad un lavoro di squadra messo in campo insieme agli altri comuni del territorio e ai colleghi sindaci, che ringrazio per aver visto in questa iniziativa istituzionale un’opportunità di crescita d’insieme, riusciremo a colmare parte di questo gap».

In particolare, sono 25 gli Enti locali selezionati che avranno la possibilità di accedere ai finanziamenti del Programma nazionale al fine di offrire un servizio-giustizia più vicino ai cittadini ed in particolare alle fasce più fragili della popolazione, costruendo una rete di “punti di giustizia prossima” sull’intero territorio regionale.

Gli Uffici di Prossimità, infatti, consentiranno di delocalizzare alcune attività prima fornite esclusivamente dagli uffici giudiziari e che incidono direttamente sulla qualità della vita delle persone. Tra queste: orientare, informare e dare consulenza sulle forme di protezione giuridica anche attraverso la distribuzione di materiale informativo; distribuire la modulistica adottata dagli uffici giudiziari di riferimento; dare supporto nella redazione degli atti che le parti (e gli ausiliari del giudice) possono redigere senza l’ausilio di un legale; inviare telematicamente atti agli uffici giudiziari. I benefici che si attendono sono importanti in termini di: sostegno ai cittadini, attraverso la creazione di un sistema giustizia prossimo, quindi più diretto e agevole; miglioramento della qualità dei ricorsi e minor afflusso di cittadini presso i Tribunali.

Il prossimo step sarà quello di definire la graduatoria definitiva, dopodiché si procederà alla stipula delle convenzioni con gli Enti selezionati e alla successiva attivazione degli uffici (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.