Corigliano-Rossano (Cs), sabato 1 agosto 2020 – Preservare la riserva in area Sic (Sito di interesse comunitario) della foce del Crati ricadente nel territorio cittadino. Dotare di servizi adeguati questo straordinario sito naturalistico per renderlo maggiormente fruibile nella legalità ed in sicurezza, nell’assoluto rispetto di tutte le prescrizioni rafforzate a tutela di luoghi, paesaggio, flora e fauna che in quest’oasi verde della grande area urbana assumono caratteri distintivi, unici nel loro genere.

 Sono, questi, gli obiettivi chiariti e sottolineati nel proficuo incontro svoltosi nei giorni scorsi tra l’assessore all’uso e assetto del territorio Tatiana Novello e Agostino Bruco, direttore di Amici della Terra Italia, ente gestore delle riserve naturali regionali Lago di Tarsia – Foce del Crati, incaricato del piano di gestione del sito.

Recuperando gap, ritardi e disattenzioni accumulatesi nei decenni – precisa l’assessore – l’Amministrazione Comunale offrirà adesso tutta la collaborazione necessaria per destinare alla preziosa riserva la tutela e la cornice infrastrutturale adeguata e controllata per preservarne habitat e potenzialità tutte ancora da cogliere.

Il punto di partenza – continua – è e deve essere una maggiore e diversa consapevolezzadi poter disporre di un ulteriore segmento naturalistico così ricco, originale e delicato che impreziosisce il già considerevole patrimonio identitario di Corigliano-Rossano. Una vera a propria oasidestinata a rafforzare – prosegue – anche il complessivo appeal della Città attraverso tutte le declinazioni del cosiddetto turismo responsabile e naturalistico, praticabile 365 giorni l’anno. Una ulteriore sfida di crescita e di sviluppo eco-sostenibile – conclude la Novello – che vogliamo portare avanti in squadra con tutti i soggetti coinvolti e partner interessati e con l’obiettivo di continuare ad offrire nuove occasioni di differenziazione dell’offerta di qualità della vita, di investimento, di occupazione e di progresso per tutto il territorio.  – (Fonte: Comune di Corigliano-Rossano)