Ex lavoratori Simet si rivolgono al presidente della Regione Roberto Occhiuto

Una lettera degli ex dipendente dell’azienda trapostistica Simet è stata trasmessa al presiedente della giunta regionale della Calabria Roberto. Occhiuto. Di seguito il testo: «Abbiamo chiesto aiuto a tutte le istituzioni di ogni ordine e grado e di qualsiasi appartenenza politica. Tutti solidali con noi solo sui giornali, con tanto di promesse per un impegno a ricollocare ciascuno di noi…ma solo a Parole! I mesi sono trascorsi e dal gennaio 2022 abbiamo fatto l’impossibile per salvare ogni posto di lavoro…ed invece…niente…il nulla intorno a noi…deserto assoluto…il 13 settembre il licenziamento collettivo ha investito le nostre vite nel peggiore dei modi…con freddezza…distacco scostante…disprezzo…il mondo ci è caduto addosso nel menefreghismo totale di tutti! Ed allora tra lacrime e disperazione, chiusa in una stanza ho pensato alle feste sottratte alle nostre famiglie, alle persone che amiamo…i sacrifici delle notti su quell’asfalto freddo e grigio…il ghiaccio…la neve…la nebbia…e le 76 vite aggrappate sul nostro collo, messe tra le nostre mani.
A farci compagnia spesso era la luna e sempre i fari dei pullman a due piani che guidiamo…abbiamo trasportato le speranze di chi lottava per salvare la propria vita da malattie spesso inguaribili…i sogni dei giovani racchiusi in valige pesanti stracolme di bontà calabresi e di lacrime , obbligati a partire per avere un futuro dignitoso…abbiamo fatto i soccorritori…gli psicologi…gli infermieri…i dottori…abbiamo ascoltato ed aiutato tanti passeggeri. Da un autista ci si aspetta solo che giri il volante del pullman, che arrivi in orario alle fermate…un autista deve caricare le valigie come fosse un animale da soma. No, ci abbiamo messo passione ed umanità,  ogni volta, ogni viaggio, con ogni persona che ha viaggiato con noi…affidando le loro vite nelle nostre mani. Adesso siamo noi a chiedere aiuto a tutti, vorremmo semplicemente continuare a lavorare senza lasciare questi meravigliosi boschi, queste montagne che raccolgono i nostri strazianti silenzi, questo meraviglioso ed immenso mare cristallino,le nostre famiglie, le nostre case, i nostri amati figli. Adesso siamo noi a mettere le nostre vite nelle sue mani, ci conceda un incontro senza tramite, solo Lei e noi…Lei il Presidente della Regione Calabria e noi, cittadini di questa meravigliosa terra che non vogliamo lasciare. Quest’anno per noi non sarà Natale…senza lavoro siamo senza diritti e senza dignità. Aspettiamo fiduciosi una sua risposta. Cordiali saluti».
Elda Renna
Portavoce di un gruppo autisti Simet Licenziati

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *