Emergenza migranti: Sapia attacca ancora Geraci



CORIGLIANO E’ sempre più infuocato il dibattito politico tra M5S e amministrazione comunale. Pomo della discordia in queste ore riguarda l’argomento emergenza migranti. “In proposito – afferma il portavoce pentastellato Francesco Sapia – ci saremmo aspettati, da parte del sindaco e dell’assessore preposto, una maggiore opposizione all’inquietante progetto dell’allestimento di un hotspot nel porto di Corigliano. Ricordiamo che gli Hotspot sono strutture non regolamentate, teoricamente allestite per identificare, registrare e raccogliere le impronte digitali dei migranti appena sbarcati. Invece il nulla, nessuna comunicazione ai cittadini coriglianesi. Sindaco vorremmo capire come mai lei non prende nessuna posizione su tale tematica? Inoltre non capiamo nemmeno la posizione del’assessore Chiurco, che pare la tenga in pugno per non dire altro, che ha contribuito alla grande con la prefettura di Cosenza per l’apertura del Cas, Centro di Accoglienza Straordinaria ottobre 2016, dopo aver aderito al progetto Sprar 1 giugno 2016, e in silenzio stampa sull’HotSpot migranti. Che vergogna, che pochezza. Sindaco Geraci – afferma ancora Sapia – ci deve delle risposte, la città e i cittadini sono stanchi del suo modo barbaro di amministrare privo di programmazione e trasparenza. E se non riesce a risponderci, faccia una cortesia alla città,tolga il disturbo e vada a casa”. Quest’ultima polemica in ordine di tempo è figlia di tutta una serie di attacchi che quasi quotidianamente il M5S sta sferrando nei confronti dell’esecutivo Geraci. Ricordiamo alcuni argomenti quali la fusione, i corsi professionali, la gestione del castello ducale.

(fonte: La Provincia di Cosenza)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.