Elezioni. Grillini, netta affermazione di Sapia nel collegio di Corigliano

È valanga 5stelle. Anche alla Camera il Movimento si conferma il primo partito in Calabria, con una percentuale che – quando sono state scrutinate 1.418 sezioni su 2.416 – supera il 41% dei voti. Staccato di 8 punti il centrodestra, che si attesta al 33%. Il centrosinistra arranca con il 17,7% delle preferenze. Liberi e uguali si ferma al 3,17%. Al maggioritario, il M5S si aggiudicherebbe 6 collegi su 8, tra cui quelli di Catanzaro, Reggio, Cosenza, Crotone, Castrovillari e Corigliano. Al centrodestra gli altri due, Vibo e Gioia Tauro. Nessuno per il Pd.
All’interno dello schieramento di centrodestra, Forza Italia raggiunge il 20,6%, la Lega il 5,7%, Fratelli d’Italia il 4,5%, Noi con l’Italia il 2,3%.
Nel centrosinistra, il Pd si attesta al 15,6%. Civica popolare non raggiunge l’1% (0,7). Le liste +Europa e Italia Europa insieme raggiungono rispettivamente l’1% e lo 0,9%.

GLI UNINOMINALI: REGGIO Nel collegio di Reggio, è avanti la candidata del M5S Federica Dieni, con il 36,5% dei voti. Secondo Franco Talarico (centrodestra), con il 35,2%. Nico D’Ascola, candidato del centrosinistra, è fermo al 19%. Domenica Vinci, di Leu, è al 3,88%. Al momento sono state scrutinate 292 sezioni su 351 e il vantaggio di Dieni supera i 1.200 voti.

GIOIA A Gioia Tauro (con 237 sezioni scrutinate su 332) è in testa il centrodestra rappresentato da Francesco Cannizzaro, con il 42,92%. Dietro c’è il M5S di Giuseppe Antonio Germanò, con il 33%. Il Pd di Elisabetta Tripodi si attesta, per ora, al 15,07%. Domenico Mantegna, di Leu, è al 3,58%.

VIBO A Vibo il centrodestra di Wanda Ferro è davanti grazie al 35,82% dei voti. Seconda è la grillina Dalila Nesci, con il 31,6%. Terzo il dem Bruno Censore, con il 25,5%. Silvio Primerano, candidato di Leu, è al 2,63% quando mancano 118 sezioni sulle 316 del collegio.

CATANZARO Il collegio di Catanzaro, con 129 sezioni scrutinate su 265, vede in testa il candidato del M5S Pino D’Ippolito, con il 44,07% dei voti. Dietro Mimmo Tallini (centrodestra), con il 31,31%. Antonio Viscomi, candidato del centrosinistra, è terzo con il 17,51%. Aldo Rosa, candidato di Liberi e uguali, raggiunge il 2,27%.

COSENZA Anche Cosenza guida il M5S con Anna Laura Orrico, con il 52,11%. Il secondo è il candidato del centrodestra Paolo Naccarato, con il 23,58%. Terzo Giacomo Mancini, per il centrosinistra, che si attesta al 17,28%. Franco Corbelli, di Leu, è al 2,53%. Scrutinate 112 sezioni su 293, la vittoria di Orrico non sembra in discussione.

CROTONE Lo schema non cambia nemmeno a Crotone. In testa c’è la grillina Elisabetta Barbuto, con il 51%. Al secondo posto, il candidato del centrodestra Giancarlo Cerrelli, con il 27,52%. Nicodemo Oliverio, del Pd, è terzo con il 13,71%, mentre Franco Parise, di Leu, è al 3,4%. Il risultato è acquisito: mancano 60 sezioni su 278.

CORIGLIANO A Corigliano stravince, per il momento, il candidato 5 stelle Francesco Sapia, con il 51,63% delle preferenze. Secondo è Ernesto Rapani (centrodestra) con il 19,67%, terzo Ferdinando Aiello (centrosinistra), con il 19,45%. Per Liberi e uguali c’è, al quarto posto, Mario Bonacci, con l’5,36%. Lo scrutinio, però, è piuttosto indietro (90 sezioni su 284)

CASTROVILLARI Anche nel collegio di Castrovillari in testa c’è un candidato del M5S, Massimo Misiti, con il 45,29%. Segue il centrodestra di Andrea Gentile, con il 34,17%. Luigi Incarnato, del centrosinistra, è terzo con il 14,21%. Al quarto posto c’è la candidata di Potere al popolo, Mirella Ruggiero, con l’1,72%. Anche nel collegio Tirreno-Castrovillari le sezioni scrutinate sono 90 (ma su 297)

DI BATTISTA: TRIONFO «È un trionfo, una vera apoteosi che dimostra la bontà di quello che abbiamo fatto». Il parlamentare del M5S Alessandro Di Battista ha commentato i primi dati relativi al voto. «Ora – ha continuato – tutti dovranno venire a parlare con noi. È questa la grande garanzia per i cittadini, perché tutti ora dovranno usare i nostri metodi di correttezza, onestà e trasparenza».

PD SCONFITTO Per il Pd si tratta di una sconfitta evidente. Non la nega il capogruppo alla Camera, nonché padre dell’attuale legge elettorale, Ettore Rosato: «Posto che noi abbiamo perso le elezioni, non ci sono tanti giri di parole, noi ci auguriamo che il governo faccia le cose migliori possibili». Ammette la debacle anche il vicesegretario del partito Maurizio Martina: «Stiamo seguendo come tutti l’evoluzione dei risultati ed è chiaro che si tratta di una sconfitta molto evidente e molto chiara, molto netta».

MOMENTO STORICO «Si tratta di un risultato storico», ha detto il vice segretario federale della Lega, Giancarlo Giorgetti. «Salvini – ha aggiunto – ha vinto la sua sfida. Se la percentuale fosse confermata, si tratterebbe del risultato più alto mai raggiunto dalla Lega Nord in tutta la sua storia». (Fonte corrieredellacalabria.it)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *