Ecosostenibilità. Liceo scientifico Rossano presenta progetto da finanziare

Corigliano Rossano – Martedì 11 giugno presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico dell’Area Urbana di Rossano è stato presentato un progetto sulla ecosostenibilità. L’idea è nata dalla interazione di Tre Progetti PON che si sono svolti nell’anno scolastico 2018/2019 all’interno della scuola partendo dal presupposto che i residenti nei centri urbani città sono estremamente dipendenti dalle proprie automobili e un obiettivo di ogni amministratore dovrebbe essere quello creare una “cultura della mobilità” nuova.

I tre progetti, tenuti dagli Esperti Massimiliano Candia, Fausto Morini e Luigi Cordì, coordinati dai tutor Anna Martino, Gianfrancesco Sapia, Cecilia Martino, e organizzati dagli ing. Domenico e Antonio Falbo, responsabili del Centro Studi Le Muse, sono stati incentrati sui temi della Mobilità sostenibile, del Web marketing e Web App. Molto spesso, i comportamenti in fatto di mobilità sono influenzabili anche solo attraverso campagne informative e promozionali dirette a sviluppare nei cittadini un comportamento a favore della mobilità sostenibile. Questo progetto vuole offrire la possibilità di introdurre incentivi che ricompensano l’uso del trasporto pubblico attraverso campagne promozionali e l’introduzione del car-sharing e del bike-sharing, affinché possa essere usato davvero e diventare, nell’uso comune, un sostituto valido alla propria auto.

I ragazzi si sono mostrati molto entusiasti nello svolgimento di questo lavoro. Di fronte a una platea di 200 studenti, il dirigente scolastico Antonio Franco Pistoia si è detto soddisfatto sia dell’andamento dei singoli PON sia di questa idea finale che ha dato concretezza e continuità a tali azioni di approfondimento scolastico.

L’esperto responsabile Massimiliano Candia ha illustrato i punti saldi dell’idea, poi, in prospettiva della appena nata città di Corigliano Rossano e dell’insediamento del nuovo unico consiglio comunale, c’è l’intenzione di rivolgersi all’amministrazione locale e di presentare il progetto all’Assessorato di competenza, appena si sarà insediato. Inoltre, saranno coinvolti gli operatori del trasporto pubblico e le aziende di trasporto private, alle quali verranno proposte anche azioni formative autonome, come corsi di ecoguida (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *