Droga, smantellata rete di spaccio all’Unical di Rende: arrestate sette persone

Una centrale di spaccio attiva a Cosenza e nella zona del campus dell’Università della Calabria a Rende è stata scoperta dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza che stamani, insieme personale del Nucleo cinofili di Vibo Valentia, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 7 persone emessa dal gip su richiesta della Procura guidata da Mario Spagnuolo.

Gli indagati – tre portati in carcere e 4 ai domiciliari – sono accusati, a vario titolo, di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti, furto aggravato e estorsione. L’indagine, condotta dai militari della Compagnia di Rogliano e dalla Stazione carabinieri di Scigliano è nata da un controllo effettuato alla fine di marzo 2021, nei confronti di 3 giovani residenti a Scigliano e Pedivigliano, fermati nei pressi dello svincolo autostradale Altilia/Grimaldi, e trovati con 20 grammi di marijuana che hanno detto di avere acquistato a Cosenza.

Dalle indagini è così emerso uno scenario criminoso, ampio ed articolato, esteso, in particolar modo nella zona Arcavacata – Campus Universitario di Rende. Grazie anche a intercettazioni e pedinamenti, i carabinieri ritengono di avere individuato le presunte responsabilità degli indagati in numerosi episodi di spaccio di varie droghe, marijuana, hascisc, cocaina ed eroina. Uno degli indagati, attraverso il proprio telefono cellulare, aveva dato origine ad una vera e propria attività di scambio ed intermediazione, servendosi dei più diffusi sistemi di comunicazione, per concordare appuntamenti e incontri per il pagamento e ritiro delle sostanze vietate. L’offerta di stupefacente, secondo gli investigatori, era continua, a qualsiasi ora del giorno e anche su ordinazione. I carabinieri hanno cristallizzato 185 episodi di spaccio. Contestualmente agli arresti, i carabinieri hanno eseguito anche 3 decreti di perquisizione domiciliare, emessi dalla Procura di Cosenza, nei confronti di soggetti indagati in stato di libertà.

fonte Lacnews24

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *