Droga nel forno, i particolari dell’operazione a S. Demetrio Corone | VIDEO

Pane e marijuana nell’antico forno di San Demetrio Corone, rilevato qualche tempo fa dai genitori per dare un lavoro e un futuro al figlio, che invece viene arrestato dai carabinieri insieme ad altri complici con l’accusa di averlo utilizzato per il deposito e il confezionamento della droga.  Proprio “Antico forno” è il nome dell’operazione portata a termine dai carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro e della Stazione di San Demetrio Corone, coordinati dal procuratore capo di Castrovillari Eugenio Facciolla e dal suo sostituto Simona Manera. Sette complessivamente gli indagati, accusati a vario titolo di spaccio di marijuana. Dopo l’arresto di Pasqualino Rotondaro nel gennaio scorso, il gip Ciarcia ha emesso provvedimenti restrittivi per Fiore Abbruzzese, titolare del forno, e Francesco Straface (entrambi ai domiciliari). Misura in carcere per  Giuseppe Lavorato, Kadri Mona, Walter V. Baffa, Demetrio Gabriele. I particolari dell’operazione sono stati illustrati nel corso di una apposita conferenza stampa, durante la quale il maresciallo Perna comandante della Stazione carabinieri di San Demetrio Corone e il capitano Cesare Calascibetta comandante di Compagnia hanno fornito i dettagli tecnici. Le indagini sono andate avanti per circa un anno e mezzo e hanno consentito di mettere insieme fatti ed episodi apparentemente slegati. Fondamentale il ruolo logistico dell’antico forno.
Dalle indagini è anche emersa l’intenzione, da parte di alcuni indagati, di incendiare le vetture di alcuni carabinieri la cui attività investigativa li faceva sentire braccati e infastiditi. Nel tempo, infatti, i militari dell’Arma avevano effettuato diversi arresti in flagranza e il sequestro di oltre un chilo di marijuana. Sono attualmente in corso controlli anche da parte del personale del Nas sulle gravi violazioni igienico sanitarie rilevate all’interno dell’antico forno.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *