Droga e resistenza, trentottenne rossanese lascia il carcere

droga

 

Il Tribunale della Libertà di Catanzaro accoglie la richiesta presentata dal difensore avv. Ettore Zagarese e annulla la misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Tribunale di Castrovillari nei confronti del 38enne rossanese N.A., pregiudicato, concedendogli la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari.

I FATTI L’uomo era stato tratto in arresto unitamente ad un cittadino di nazionalità albanese, C.M. di 38 anni, dal personale del Commissariato di P.S. di Rossano diretto dal Commissario Capo Giuseppe Massaro nel corso di controlli straordinari finalizzati alla prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti e di reati predatori.

LE ACCUSE I due si erano resi responsabili, in concorso, dei reati di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio e resistenza a Pubblico Ufficiale. Nel corso della perquisizione personale e domiciliare, gli uomini della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di P.S. di Rossano avevano rinvenuto e sequestrato oltre un chilo di marijuana, un bilancino di precisione e tutto l’occorrente per il confezionamento della sostanza stupefacente in dosi pronte per lo spaccio. Da qui l’arresto e la traduzione di entrambi presso la casa circondariale Castrovillari. In seguito al ricorso dell’avvocato Ettore Zagarese dinanzi al Tribunale della Libertà di Catanzaro, il 38enne N.A. ha lasciato il carcere.

(comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *