Delitto Portoraro e 106. Mundo stigmatizza chi associa i due eventi

trebisacce

Mundo

Trebisacce – Il sindaco Franco Mundo, all’indomani del grave evento delittuoso avvenuto a Villapiana con la morte di Leonardo Portoraro avvenuta in pieno giorno e con modalità attribuibili alla mala, scrive al collega sindaco di Villapiana quale atto di solidarietà e vicinanza, prendendo le distanze da chi associa tale omicidio all’appetibile megalotto della 106 Sibari-Roseto. «Carissimo collega, mi consenta a nome mio personale e della città di Trebisacce,interpretando anche i sentimenti degli altri colleghi sindaci, di esprimere l’assoluta vicinanza e solidarietà al comune di Villapiana,per i gravi fatti di criminalità che si sono verificati nel Tuo comune nei giorni scorsi,che ci hanno lasciati attoniti e stupiti.

Villapiana, al pari di tutti i nostri comuni del comprensorio, è una comunità civile,laboriosa e moderna,turisticamente e civilmente evoluta. Quanto si è verificato è da ascrivere certamente a fatti criminali e regolamento di conti. Si è trattato di un episodio occasionale che nulla a che vedere con il tessuto sociale ed economico di Villapiana. Così come mi permetto di stigmatizzare le dichiarazioni di  coloro che ,subito si sono avventurati in espressioni  inopportune, collegando tali fatti all’imminente,speriamo,avvio dei lavori del terzo macrolotto della SS 106 Ionica.

L’amministrazione comunale di Villapiana e il suo sindaco, sapranno  certamente vigilare e adottare tutte le misure necessarie,unitamente alle forze dell’ordine, per contrastare la violenza ed eventuali altri fatti delittuosi, per evitare un danno di immagine  che possa costituire un pregiudizizo per l’imminente stagione turistica. A te e alla tua amministrazione va il nostro sostegno per le iniziative avviate ,sicuri che saprete tutelare al massimo la grande tradizione civile di Villapiana e del nostro comprensorio».

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *