Degrado e sporcizia lungo le spiagge libere di Corigliano



 

Vedere le nostre spiagge libere ridotte in un simile stato di degrado, prima di suscitare un moto di indignazione, provoca una stretta al cuore.

Abbiamo esitato molto a scriverne, temendo di fare danno ad una stagione turistica ormai abbondantemente inoltrata, ma ci siamo convinti, infine, che nessuna parola scritta può fare più danno della cruda realtà che è sotto gli occhi di tutti: residenti e turisti.

Non facciamo appelli a questa amministrazione incapace ed inefficiente perché sappiamo per esperienza che ogni appello, ogni suggerimento cadrebbe nel vuoto.

Ma chiediamo al sindaco e alla giunta di avere un sussulto di dignità.

Di evitare ai coriglianesi, oltre alle vergogne che hanno già provocato e che speriamo non abbiano conseguenze ulteriori, anche la vergogna di un simile indecoroso segno di inciviltà.

E’ evidente che non si sia in grado di sostenere gli operatori del settore nei loro immani e solitari sforzi per mantenere la nostra offerta turistica ai livelli che la nostra tradizione richiede e, anzi, per migliorarla, ma almeno non li si danneggi accogliendo i turisti con un simile indecoroso segno di inciviltà.

In cinque anni di amministrazione comunale si è stati in grado di produrre solo quelle quattro camionate di bitume che nelle ultime settimane abbiamo visto spalmare sulle strade cittadine, con grande sollievo per ammortizzatori e copertoni delle nostre automobili.

Si faccia un ulteriore sforzo: si dia della Città un’immagine civile e decorosa, degna della sua storia.

Lo richiede la decenza prima ancora del dovere di assicurare ai cittadini un’amministrazione della cosa pubblica rigorosa ed efficiente, prima ancora del diritto dei cittadini a vivere in una Città pulita e decorosa.

E se proprio non siete in grado di piazzare e far svuotare quattro cestini sulla spiaggia, di organizzare la raccolta di due cartacce, allora significa che davvero siete durati troppo.

(fonte:conunicato stampa)

                                                                                         

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.