Dal 16 settembre il Frecciargento Sibari-Bolzano. Conferenza stampa il 6 settembre

ETR 600

Sibari – E’ ufficiale: il frecciargento Sibari-Bolzano partirà il 16 settembre prossimo. La notizia sarà resa resa pubblica e approfondita nei minimi dettagli nel corso di una conferenza stampa che si terrà giorno 6 settembre a Sibari alla presenza delle istituzioni e dei dirigenti di Trenitalia. Le fermate: Paola, Scalea, Salerno, Napoli, Roma, Firenze, Bologna, Verona, Trento, Rovereto, Bolzano. Il convoglio è un ETR 600, ottimo per stilistica e per arredo interno. Raggiunge una velocità massima di 250km/h.Su tutti i convogli ETR.600 la numerazione dei posti a sedere è suddivisa in file (in prima classe A, B, D; in seconda A, B, C, D). Il treno partirà tutti i giorni alle ore 06.25 per arrivare a Roma alle 10.25 con ritorno dalla Capitale alle 17.50 e arrivo a Sibari alle 22.05. Seppure in via sperimentale si auspica possa essere l’inizio di una nuova era, di rilancio dello scalo ferroviario di Sibari, oggi tenuto nella più sconfortante desolazione.

Stazione di Sibari

La riapertura della biglietteria e l’attivazione di nuove corse si rendono sempre più indispensabili, in attesa del completamento della elettrificazione del tragitto Sibari – Crotone, tratta abbandonata storicamente a se stessa non solo sotto il profilo del traffico ferrato.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Francesco ha detto:

    Era ora che si cominciasse e che non la facciano morire sul nascere.Auguri.

  2. Virt ha detto:

    Bellissima notizia.Il treno non crea traffico e né inquinamento.Da libertà di movimento ed è più veloce.

  3. Vito Centoducati ha detto:

    Ottimo

  4. Giuliana Polesel ha detto:

    Avete visto cosa c’e’ fuori la stazione di Sibari di giorno? Zero taxi se non abusivi e il deserto. Figuratevi arrivare di sera o notte inoltrata, magari da Taranto alle 3 di notte. Mancano servizi oltre al treno e collegamenti con le localita’ vicine. Bisogna scomodare amici o parenti, sperando che il treno non abbia ritardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *