Crisi prezzo olio. Ferrara (M5S): UE tuteli settore e riveda accordi internazionali

«Per Calabria, Puglia e altre regioni del Sud Italia, in cui la produzione dell’olio extravergine 100% italiano rappresenta un comparto strategico e primario per l’economia, il crollo dei prezzi è fonte di seria preoccupazione». L’eurodeputata del Movimento 5 stelle, Laura Ferrara, interviene sulla crisi dell’olio che sta mettendo in ginocchio i produttori.
«In Calabria molti produttori olivicoli lamentano da tempo gravi difficoltà – afferma la Ferrara – e ciò avviene anche in altre regioni italiane. Lo scenario è desolante. Negli ultimi mesi il calo dei prezzi dell’olio, che sui valori massimi all’origine tocca i 3 euro al chilogrammo, sta fomentando la delusione e la rabbia nelle campagne poiché molti produttori olivicoli della regione non riescono più a coprire i costi di conduzione dell’oliveto.
La delusione e la rabbia sono rese ancora più esasperate dal fatto che i depositi sono pieni.
In Calabria, secondo Frantoio Italia, al 31 gennaio 2020, erano giacenti 15.827 tonnellate di olio extravergine
sfuso e oltre 452mila litri di olio evo in bottiglia, tutto di produzione locale».
«Secondo alcune associazioni di categoria le criticità del settore sono da ricondurre a molteplici fattori: dalle
contraffazioni, all’invasione di olio straniero a dazio zero, al falso made in Italy. Un problema che si riflette anche sul consumatore, il quale rischia di vedere sugli scaffali dei supermercati sempre più oli di provenienza straniera e non tracciabili».
«Stiamo assistendo ad una crisi storica di questo settore, i ribassi arrivano anche al 40%. Per questo chiedo alla Commissione quali misure urgenti intende adottare per sostenere i produttori olivicoli che si trovano ad affrontare una crisi senza precedenti e se intende tutelare il settore olivicolo sollecitando un’intensificazione dei controlli per arginare fenomeni di contraffazione e di falso made in Italy».
«Più volte il Movimento 5 stelle in Europa, anche nella passata legislatura, ha denunciato le politiche commerciali e gli accordi internazionali (a dazio zero) che penalizzano l’olio italiano. La produzione di olio in altri Paesi ha costi molto più bassi e la filiera non è tracciabile e di qualità come in Italia. Ritengo che l’Unione europea debba essere sollecitata a promuovere politiche immediate di tutela di un importante settore economico locale che rischia seriamente di essere cancellato» (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.