Covid: dati preoccupanti, Omicron 2 dilaga a Corigliano Rossano

In Calabria e sullo Jonio cosentino in particolare il trend dei casi Covid è in controtendenza rispetto ai dati nazionali. E a Corigliano-Rossano la curva presenta tratti preoccupanti: negli ultimi trenta giorni sono stati registrati 1138 casi e nelle sole 24 ore ben 128. È la prima città della provincia di Cosenza non solo per dimensione demografica ma anche per decessi Covid: dall’inizio della pandemia 139, mentre il dato complessivo degli infettati è di 7880. Omicron 2 dilaga, ovunque, nelle scuole e si insinua principalmente nei presidi ospedalieri così come è avvenuto nel locale pronto soccorso del “Nicola Giannettasio” di Rossano dove medici, infermieri e ausiliari sono stati travolti dal virus.

Vincenzo La Regina

Ed ora anche il pronto soccorso del “Guido Compagna” ospita i primi sanitari colpiti dal virus. «Mentre in altre parti d’Italia il dato è in decrescita qui in Calabria e nella Sibaritide il numero dei casi rimane preoccupante, afferma il commissario straordinario dell’Asp di Cosenza Vincenzo La Regina.  Accade che tanti operatori sanitari si sono positivizzati, non solo a Corigliano-Rossano o Cosenza ma in tutta la regione. Ciò pone problemi di gestione del personale con evidenti difficoltà. Su Corigliano-Rossano abbiamo in parte provveduto a inviare infermieri e Operatori sanitari, adesso stiamo lavorando per il reperimento di medici».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *