Corigliano Rossano – Nella giornata del 5 ottobre u.s., presso la caserma dei Carabinieri di Rossano, si presentava una ragazza minorenne per denunciare una violenza sessuale occorsa nel tardo pomeriggio del giorno precedente. La minore dichiarava di essere stata avvicinata da cinque soggetti di provenienza africana, i quali l’avrebbero dapprima trascinata in una zona appartata di un quartiere del centro abitato rossanese, e poi l’avrebbero costretta ad intrattenere un rapporto sessuale. Solo grazie ad un momento di disattenzione degli aguzzini, la ragazza sarebbe riuscita a liberarsi e a fuggire presso la propria abitazione.
Nell’immediato scattavano le attività di indagine coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari e svolte dal Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Rossano. Allo stato, tuttavia, non emergono riscontri investigativi rispetto a quanto dichiarato dalle persone coinvolte, nonché a quanto acquisito dalle telecamere di videosorveglianza.
L’attività investigativa continuerà in maniera serrata al fine di a verificare l’effettivo svolgimento dei fatti.
L’invito, infine, alla cittadinanza, a mantenere un comportamento sociale conforme alle normative in vigore (Comunicato stampa).