Corigliano Rossano. Tensione nei pronto soccorso, aggredito a sangue paziente

Carabinieri

Corigliano Rossano – Pronto soccorso del “Guido Compagna” e “Nicola Giannettasio” nel caos. L’atto più grave si è consumato nel pomeriggio a Corigliano dove un paziente psichiatrico in attesa dell’esito del tampone, dopo una serie di peripezie circa il risultato (negativo), ha aggredito un paziente in attesa di visita colpendolo a sangue. L’uomo è stato trasferito d’urgenza a Cosenza e intubato. Sul posto si sono portati più pattuglie dei carabinieri.

A Rossano nel frattempo, aumentano i flussi tra codici rossi e gialli. Due sospetti covid (in attesa dell’esito dei tamponi) sono stati sottoposti in stanze adagiate e definite di isolamento, uno dei quali tuttavia è stato sottoposto a TAC dall’esito positivo. Vi è carenza di posti letto, la cardiologia non accetta ricoveri ( per determinate sintomatologie) da quando non è più Unità di terapia intensiva e coronarica (Utic), mentre il percorso dedicato dalla “tensostruttura- pronto soccorso – Tac” presenta problemi di promiscuità. Il personale sanitario è  rimasto in stand-by  per un lungo periodo in attesa della sanificazione dei locali. Alcuni dei camici bianchi  aggrediti verbalmente da pazienti che giungono da tutte le  parti della Sibaritide. Una situazione che sta degenerando di ora in ora. Tra le problematiche, i ritardi enormi per l’esito dei tamponi da Cosenza.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *