Corigliano Rossano, sede distaccata della polizia provinciale: è polemica sulla paternità



CORIGLIANO-ROSSANO, 22 giugno 2022 – Quando troppo si scrive, senza eccessiva cognizione di causa, si rischia di prendere cantonate come capitato nell’ultima nota stampa diramata dalla consigliera comunale e provinciale, Adele Olivo.

Che la consigliera provinciale, delegata agli Affari Generali e Patrimonio, Adele Olivo abbia prodotto poco, in termini pratici, nonostante abbia ricoperto con una certa continuità e ultradecennale durata ruoli istituzionali, anche apicali, è cosa nota, ci risulta quindi, decisamente fuori luogo, che oggi, rivendichi meriti inesistenti. Come l’ultimo tentativo rappresentato da una sua fantomatica iniziativa diretta ad istituire una sezione distaccata della Polizia Provinciale di Cosenza nella nostra città.

Non solo, la Olivo sostiene di aver avviato addirittura interlocuzioni con l’Amministrazione Comunale per l’individuazione dei locali ove ospitare il corpo.

In realtà è dal 2019, praticamente dal suo insediamento, che il Sindaco Flavio Stasi, con l’allora Presidente della Provincia, Franco Iacucci, ha rappresentato la necessità dell’istituzione di un distaccamento della Polizia Provinciale sulla base delle esigenze di ordine pubblico e di criteri di carattere socio economici e demografici della nuova città unica.

Un impegno quello del Sindaco supportato da proposte concrete su strutture idonee ad accogliere le unità operative di Polizia Provinciale, nonché per il ricovero degli autoveicoli di servizio ed il deposito delle attrezzature e custodia di materiale eventualmente poste sotto sequestro.

Sono state costanti le interlocuzioni verbali e documentali caratterizzate da un’apertura dell’Ente provinciale: una in particolare del Sindaco che risale a luglio 2020 e poi una serie di incontri con le dirigenze che hanno visto anche la partecipazione della Presidente del Consiglio, Marinella Grillo, e dell’Assessore Mauro Mitidieri con addirittura tre soluzioni proposte per la collocazione e cioè sede ex Caserma dei Vigili del Fuoco, Palazzo del Tribunale e locali S.S. Anargiri.

Istanze che sono state portate all’attenzione della neo presidente della Provincia di Cosenza, Rosaria Succurro che ha manifestato disponibilità nel portare avanti e auspicabilmente a compimento un percorso in essere e in cui la consigliera Adele Olivo, a dire il vero, si è inserita solo di recente e attraverso una nota stampa.

I GRUPPI CONSILIARI DI MAGGIORANZA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.