Corigliano Rossano. Straface: Valorizzare il Parco dedicato a Fabiana Luzzi, plauso all’ing. Domanico per il suo progetto

Parco Fabiano – Il Progetto

“Un viaggio quasi ‘dantesco’ tra i sentieri dell’anima e della memoria. È ciò che mi ispira la visione del progetto di valorizzazione del Parco periurbano comunale di Corigliano Scalo intitolato alla nostra giovanissima e indimenticabile Fabiana Luzzi. Un progetto avveniristico ma nient’affatto utopistico, una visione lungimirante, poetica ed emozionale mirata a soddisfare le legittime esigenze di miglioramento della qualità della vita della comunità, frutto dell’estro creativo, della competenza e della professionalità di un nostro brillante concittadino: l’ingegnere Nilo Domanico”.
È quanto dichiara l’ex sindaco di Corigliano Calabro, Pasqualina Straface, rappresentante del Movimento del Territorio, che in una nota evidenzia l’importanza e la valenza del progetto del ‘nuovo’ Parco situato in via Provinciale, nell’area urbana coriglianese.
“A distanza di sette anni dall’intitolazione del Parco comunale di Corigliano a Fabiana Luzzi, alla cui famiglia continuiamo ad esprimere i nostri più sinceri sentimenti d’affetto e vicinanza, giunge l’elaborazione di questo prezioso ed encomiabile progetto, figlio della fervida mente e del cuore grande dell’ingegnere Domanico, autore di numerosi e prestigiosi lavori di riqualificazione realizzati in tutto il mondo nonché del “Giardino dell’Eden” in Oman, il Giardino Botanico che una volta completato sarà il più esteso e tecnologico al mondo. Il talento di questo nostro concittadino, che ha deciso di mettere a disposizione la sua professionalità al servizio della comunità di Corigliano-Rossano per una nobile causa, non poteva che dare alla luce – prosegue Straface – un progetto del Parco, proteso alla valorizzazione dell’esistente ed all’edificazione di un nuovo corso, nel quale funzionalità e gusto estetico mirabilmente si fondono. È stato lo stesso ingegnere Domanico ad illustrarlo sapientemente: “L’antico simbolismo dei Quattro Elementi della Vita, un’armonica relazione tra gli elementi naturali, Terra, Acqua, Fuoco ed Aria, che divengono elementi architettonici/paesaggistici costitutivi ed essenziali per la creazione della Valle dell’Eden, che ha il suo Cuore nel Doppio Infinito Terracqueo che avviluppa le Colline a Spirale: la Collina dell’Acqua a settentrione, la Collina del Fuoco a meridione, la Collina dell’Aria a oriente, la Collina della Terra a occidente, che convergono nel Crocevia dell’Infinito, in vitale armonia, disvelando al Cielo la sprigionata Quintessenza”. Un excursus umano, culturale e relazionale nel quale ciascheduno potrà usufruire pienamente della bellezza di un luogo che nasce e si configura come pensato per costituire il reale centro vitale, aggregativo e propulsivo, della e per la comunità. Non possiamo che esprimere attestati di gratitudine e ammirazione nei confronti dell’ingegnere Domanico per questo magnifico dono che ha inteso fare alla città natia e rivolgere un appello alle istituzioni affinché tale progetto venga sostenuto in toto per addivenire alla sua tangibile realizzazione”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *