Corigliano Rossano. Stasi: Oggi nessun caso positivo

Flavio Stasi

Corigliano Rossano. Consuntivo serale del sindaco Flavio Stasi.

Buonasera a tutti.

Oggi non posso non partire dalla nostra concittadina venuta a mancare presso l’ospedale di Cetraro. Non abbiamo ancora l’esito del tampone, né abbiamo conferme di positività, anche se alcuni tg ne hanno dato per scontato l’esito, cosa che, sinceramente, trovo abbastanza spiacevole. In ogni caso, il pensiero va ai familiari della concittadina, a cui va tutta la nostra vicinanza.

Oggi non abbiamo nuovi positivi in città.

Molti tamponi, molte quarantene per i casi dei giorni scorsi, qualche sospetto, ma non abbiamo nuovi casi.
Ci sono nuovi positivi sul territorio trattati dal nostro SPOKE, e registriamo l’ordinanza del Presidente Santelli di “chiusura” del Comune di Bocchigliero, nel quale è stato trovato positivo nei giorni scorsi anche un nostro concittadino. Anche per questo, un abbraccio virtuale e caloroso al Sindaco, Alfonso Benevento, per la difficile situazione che sta affrontando, certo che – tutti insieme – ne usciremo presto.

Il numero dei tamponi aumenta concittadini miei. Anche io ne sto chiedendo molti, soprattutto per persone che lavorano in luoghi sensibili. All’inizio questo potrebbe scoraggiarci, perché ormai è chiaro che più tamponi si fanno e più positivi si trovano, ma alla fine risulterà un bene perché eviterà situazioni spiacevoli e porterà ad uscire prima da questa situazione.
Le cose vanno affrontate e le affronteremo insieme, come stiamo facendo.

Ho chiesto i check-point agli ospedali, per filtrare il più possibile e proteggere pazienti ed operatori. Oggi pomeriggio, grazie ai volontari di protezione civile, abbiamo attivato i check-point su entrambi i plessi: nessuno dovrebbe entrare nello Spoke se prima non gli viene misurata la febbre e non risponde a delle brevi domande. Qualcuno mi ha chiesto: ma se ho 38 di febbre mi rimandano a casa? No, assolutamente. Ma ognuno di noi che ha più di 37.5, per il nostro bene e quello degli altri, deve fare un percorso diverso, ricevendo la stessa assistenza sanitaria.

Resta il problema della notte, per il quale ho chiesto al Commissario ASP nuovi infermieri ed alla prefettura la possibilità di utilizzare i Vigili del Fuoco a supporto della Protezione Civile: spero di avere risposte domani. Oggi ho portato un altro pacco (modesto) di mascherine FFP3 al pronto soccorso, recuperato grazie all’ordinanza di “chiusura dei cantieri non indispensabili” della settimana scorsa. Mi auguro che presto arrivino dall’ASP tutti i dispositivi necessari per gli operatori che sono in prima linea.

Oggi il Governo ha deciso di tramutare le pene, per i trasgressori alle misure di contenimento del contagio, in sanzioni amministrative. Noi lo avevamo fatto da qualche giorno, ma non dobbiamo dimenticarci ciò che vi ho detto qualche giorno fa: le misure restrittive, così come le sanzioni, non servono per punire, ma per indicare la strada giusta.

Infine è nata una questione “sciopero dei benzinai”. Oggi di ritorno dal plesso ospedaliero di Corigliano non capivo perché la gente riempisse bidoni. Ormai è diventata una corsa alle scorte, qualsiasi cosa succeda. Io non ho fatto il pieno e neanche il Comune lo ha fatto.
Il nostro problema è quello di restare a casa, di evitare di correre (e far correre) rischi inutili, non quello di fare scorta di benzina e riempire il frigorifero come se non ci fosse un domani. A proposito, una raccomandazione a tutte le famiglie: pianificate la spesa in questi giorni senza attendere il fine settimana, in modo da evitare inutili file e risparmiare alle forze dell’ordine ed alla protezione civile altri faticosi controlli. Si combatte anche così in questa strana guerra, pianificando la spesa.

Ultimo aggiornamento, non per importanza. Stamattina sono andato in tesoreria per farmi stampare saldo e movimento del conto dedicato alla raccolta fondi per la Protezione Civile comunale. C’erano più di venti mila euro, raccolti in poche ore. In questa somma, non sono contati praticamente tutti i contributi che credo siano arrivati numerosi ieri ed oggi, ed ho ricevuto notizie di nostri concittadini che stanno per fare donazioni importanti. Sono molto fiducioso, e sono contento.
Ma sapete cosa mi ha colpito? Le donazioni da 50 euro, 30 euro, 20 euro.
Se, come sono certo, avremo presto una nuova ambulanza attrezzata, certamente sarà per le donazioni importanti di tanti nostri concittadini che stanno arrivando in queste ore, ma il mio ringraziamento va a tutti, indistintamente, anche al singolo cittadino che col suo piccolo contributo, urla civilmente: io ci sono, io faccio la mia parte!

La nostra guerra strana contro il nemico invisibile, si combatte e si vince anche così.

Sono ore difficili per tutti, ma queste cose mi convincono sempre di più che qualsiasi cosa noi dovremo affrontare, noi la affronteremo, e la batteremo.

Pazienza e fiducia, Corigliano-Rossano.

A domani.

Il Sindaco

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *