Corigliano-Rossano. Ritirato il progetto di riqualificazione del Parco Fabiana Luzzi



Corigliano-Rossano – Nell’agosto del 2020 si creò in maniera naturale ed istintiva un microcosmo di amore, dolore, ricordi e passione tra la famiglia Luzzi-Ferraro, l’associazione Mondiversi-Centro Antiviolenza Fabiana ed i tecnici scelti per elaborare un’idea-progetto di Riqualificazione ed Ampliamento del Parco Fabiana Luzzi di Corigliano Scalo. Così il quotidiano e doloroso ricordo di Fabiana è divenuto mano a mano un percorso spirituale, che si è trasformato in un’esaltante ed alchemica mescolanza di linee, curve, infiniti e spirali; espressioni della gioia di vivere, dell’energia, della Luce di Fabiana. Ne sono nati il “Giardino Segreto”, il “Luogo senza Tempo”, l’“Universo Interiore”; spazi dove ritrovare la Felicità. Almeno per un pò. Un Eden ideale di Elevazione, Redenzione ed Illuminazione.
La redazione del progetto non è stato dunque soltanto un lavoro tecnico, ma una continua condivisione di emozioni all’interno di un microcosmo di anime. Un Portale che ci ha catapultato nelle sabbie del tempo dove la suggestione è stata tale che da quel varco temporale, attraverso i disegni, è venuto fuori un nuovo mondo dove è stato possibile contemplare le anime del Paradiso, insieme alla nostra Fabiana, a volteggiare nel vento, fra scorci meravigliosi dal fascino soprannaturale. Un confine valicato che ci ha condotto all’intimità spirituale, al paradiso interiore.


Ciò che è venuto alla luce è stata una visione, una crisalide divenuta farfalla.
Il nostro Progetto del nuovo Parco Fabiana Luzzi, dunque, non è una opera pubblica qualsiasi. E’ una Opera che raccoglie spiritualità, empatia, armonia di spazi ed ambienti, senso dell’esistenza. Che ha immaginato e dato forma ad un luogo nel quale ognuno può ritrovare momenti di serenità, benessere e spensieratezza.
Se non avesse avuto questi significati e questo spirito un Progetto sul parco che porta il nome di Fabiana non avrebbe avuto senso.
Completata la fase di elaborazione, il Progetto, assieme ideato, e dall’ingegnere Nilo Domanico e dai suoi collaboratori redatto, è stato preannunciato dalla famiglia Luzzi-Ferraro al Sindaco Flavio Stasi in un incontro nella sede comunale. Di seguito è stato consegnato ufficialmente il 31 marzo del 2021 nelle mani dell’Assessore Mauro Mitidieri e protocollato. Terminata questa prima fase Istituzionale, il Progetto è stato partecipato alla Città attraverso incontri con il mondo della scuola, del volontariato, dell’associazionismo. Percorso culminato nella presentazione pubblica del Progetto il 16 Luglio nell’attuale Parco Fabiana Luzzi, alla presenza del Sindaco e delle massime autorità cittadine. A ciò hanno fatto seguito incontri con l’Ufficio Tecnico Comunale, positivamente conclusosi.
Sino a questo punto, un percorso lineare da cui ci si aspettava un prosieguo favorevole. Invece, in quest’ultimo periodo, si è assistito a comportamenti contraddittori e si è aperta una discussione che ha assunto aspetti e contorni spiacevoli e indesiderati, al punto che quello che voleva essere (e vuole essere) un Dono della famiglia alla Comunità è stato frainteso e svilito.
Per tali ragioni la famiglia Luzzi-Ferraro con rammarico si sente costretta, in accordo con il microcosmo che ha condiviso questo Viaggio dell’Anima, a ritirare il progetto impropriamente coinvolto in un livello di discussione e di scontro non adeguato e che ha travalicato la loro riservatezza e la loro volontà. E si riserva di ripresentarlo in tempi migliori, quando ci sarà la sensibilità e la nobiltà d’animo per considerarlo per ciò che è: un Inno alla Vita ed un messaggio di comunione e di pace contro la violenza. Lacrime che diventano testimonianza.
Si ringraziano tutte le persone che con sincerità e lealtà hanno sostenuto il Progetto e vorranno in futuro continuare a farlo.

 

Rosaria Ferraro
Mario Luzzi
Associazione Mondiversi onlus-Centro Antiviolenza Fabiana
Ingegnere Nilo Domanico

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.