Corigliano Rossano. Rete disabili: Ben vengano le passerelle, ma i parcheggi non sono conformi



Abbiamo appreso nei giorni scorsi, dagli organi d’informazione locali, della decisione dell’Amministrazione Comunale di realizzare due passerelle per consentire ai cittadini disabili di potersi recare al mare, una per ciascheduna area urbana e con piena operatività dal prossimo 1 luglio. Non possiamo che esprimere soddisfazione per tale notizia.

Si tratta di un atto dovuto da parte delle preposte Istituzioni nei confronti di quanti vivono tutti i giorni situazioni e condizioni di disabilità, scontrandosi con disagi, difficoltà, luoghi inaccessibili. Un sacrosanto diritto qual è appunto quello di recarsi al mare, l’esercizio non già di una libera scelta o gentile concessione da parte degli attuali governanti, bensì di un preciso obbligo di legge al quale la nostra città arriva con inconcepibile ritardo. Un’espressione di civiltà e dignità della quale si è fatta portavoce la Rete Italiana Disabili già lo scorso anno, con innumerevoli appelli e interventi di protesta, documentati anche dai mass-media (la foto in allegato risale, infatti, alla scorsa estate). Tuttavia, questa novità merita di essere salutata con favore ed è sinonimo di serenità in cittadini disabili e rispettive famiglie.

L’occasione è propizia, tuttavia, per esprimere alcune considerazioni. Anzitutto, in merito a quanto sta emergendo, sempre da alcuni organi d’informazione, circa modalità di gestione dei servizi annessi alla passerelle nei tratti delimitati, che lasciano adito a dubbi e perplessità. Giova ricordare, infatti, che già lo scorso anno la Rete Italiana Disabili, nel corso di un apposito tavolo d’incontro e confronto, comunicò all’Amministrazione la disponibilità a volersi occupare dei predetti servizi, ritenendo di ben conoscere necessità e criticità in materia. Quello che lascia più di tutto l’amaro in bocca, inoltre, è il modus operandi che caratterizza la realizzazione, in corso d’opera, dei parcheggi riservati ai disabili: attuali luoghi e condizioni non si presentano per nulla conformi a quelle che sono le reali esigenze dei diretti interessati, anzi si configurano come inutili interventi. Per questo motivo, chiediamo di porre rimedio in tempi celeri e prima che sia troppo tardi, ed anche in tal senso la Rete Italiana Disabili è pronta a suggerire opportuni correttivi all’Amministrazione Comunale ed ai tecnici incaricati.

Comunicato stampa

RETE ITALIANA DISABILI Corigliano Rossano

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.