Corigliano Rossano. Ordinanza Coronavirus, denunce e sanzioni per i trasgressori

Corigliano Rossano – Nelle situazioni difficili emerge la capacità di reazione ed il senso di responsabilità di una comunità ed è quello che mi aspetto da tutti in questo momento delicato, con il rispetto scrupoloso dell’ordinanza N. 47 di ieri (domenica 8 marzo 2020), che contiene tutte le misure da adottare sul territorio comunale per le singole persone, gli esercizi commerciali di ogni tipo e le aziende di trasporto.

È quanto dichiara il Sindaco Flavio Stasi, cogliendo l’occasione per ricordare che quanti non rispetteranno rigorosamente tutte le prescrizioni indicate nell’ordinanza sindacale saranno denunciate a norma dell’articolo 650 del codice penale, che prevede persino la pena dell’arresto.

Capisco che il tessuto produttivo e commerciale – ribadisce il Primo Cittadino – stia soffrendo enormemente in un momento come questo, con un’economia che era già fragile in partenza, ma lo scopo delle misure adottate è quello di limitare il più possibile la diffusione del COVID-19 (Coronavirus) per poter riprendere le normali attività il prima possibile.

Quello che oggi rappresenta certamente un sacrificio, quindi, potrebbe servire – continua – per prevenire danni peggiori e più duraturi. Con senso di responsabilità e rispetto rigoroso delle regole, supereremo anche questo momento difficile.

Alla luce dell’incontrollata e irresponsabile diffusione di notizie false di ogni genere che continua ormai da giorni – conclude Stasi – invitiamo i cittadini ad attenersi solo ed esclusivamente alle fonti ufficiali ed alla comunicazione istituzionale del Governo, della Regione Calabria, dell’Asp e dell’Amministrazione Comunale che continuerà a tenervi informati puntualmente e nella massima trasparenza su tutte le prossime evoluzioni e su tutte le iniziative che saranno adottate per fronteggiare l’emergenza in corso (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.