Corigliano Rossano. Minori e fragilità, pubblicato bando per centri estivi

Palazzo Bianchi

CORIGLIANO-ROSSANO – Il Comune di Corigliano-Rossano ha pubblicato il bando per i Centri Estivi, misura di sostegno alla conciliazione vita-lavoro, con particolare attenzione per le famiglie più vulnerabili della città e alla gestione diurna dei figli minori, ricompresi nella fascia di età 3-14 anni, utile a favorire la frequentazione a corsi ed attività estive diurne, che rappresentano un’importante opportunità di apprendimento, di divertimento e di esercizio di espressione oltre che costituire un valido strumento di integrazione sociale e di supporto educativo. L’Amministrazione comunale, attraverso il presente avviso, intende individuare i soggetti – privati e associazioni – interessati ad attivare e gestire in sicurezza i Centri Estivi presso strutture private, al fine di istituire un Registro di Centri Estivi privati con progetti validati dall’Ente, da pubblicare sul sito istituzionale.

Possono presentare una proposta progettuale di attività estiva cooperative sociali, associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, enti ecclesiastici/parrocchie/oratori, associazioni sportive dilettantistica o altro tipo di soggetto, anche pubblico e di impresa – che perseguano ordinariamente finalità educative, ricreative, sportive e socioculturali a favore di minori e che siano in regola con gli adempimenti e con le linee guida comunali “Centri Estivi 2021”.

Il contributo previsto dal Comune si compone di una quota fissa pari a € 2.500,00 quale contributo forfettario per l’adeguamento dei centri estivi alle prescrizioni Covid-19 e una quota variabile, calcolata sulla base del numero dei posti eventualmente messi a disposizione per i bambini/adolescenti provenienti da condizioni di fragilità sociale e/o per i bambini/adolescenti con disabilità. La proposta va presentata tramite il SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) entro il 26 luglio 2021.

 «I Centri estivi svolgono un ruolo sociale e educativo importante – ha affermato l’assessore Donatella Novellis – particolarmente dopo mesi in cui lo stare insieme è stato fortemente penalizzato e ridimensionato. Il contributo erogato riserva attenzione e tutela alle politiche per la famiglia. In seno all’utilità sociale delle azioni per l’infanzia e la disabilità»

Per maggiori informazioni si può consultare il bando al seguente link https://bit.ly/3ntSNsn

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.