Corigliano Rossano. Maggioranza: Basta violenza verbale, si torni ad un sereno scambio di idee

CORIGLIANO-ROSSANO – Lo sdoganamento di un certo tipo di linguaggio (diffamatorio, accusatorio, violento, sensazionalistico) va ormai di pari passo con il sentimento di impunità e di confidenza con cui si utilizzano i messaggi di odio online. Essere aggressivi in rete è più facile che esserlo di persona, in questo momento storico sembra essersi perso lo spazio della riflessione, sembra urgente e necessario esprimere la propria opinione, esserci, commentare subito, senza prendersi il tempo di riflettere. Ma ci sono limiti invalicabili, oltre i quali è necessario l’intervento della legge.

In queste ultime settimane è diventata intollerabile la violenza verbale che, ormai quotidianamente, si vomita tramite social contro il Sindaco e l’amministrazione comunale nel suo insieme. Odio che investe anche i dipendenti comunali, non facendo salvo nessuno.

Capiamo lo stato di stanchezza mista a rabbia dei cittadini, capiamo le legittime proteste dei commercianti che si sentono vessati da provvedimenti governativi che paiono incongruenti e inefficaci. Capiamo e siamo sempre stati pronti all’ascolto delle istanze di chi civilmente chiedeva un confronto, a volte anche mediato – considerato i tempi- dalla tecnologia e dai social che oggi possono a tutti gli effetti assurgere a ruolo di “piazza virtuale”, legittimo ambito di confronto, agone politico. Ciò che però non capiamo e non siamo più disposti a tollerare sono le offese e le minacce che in quel luogo, i “leoni da tastiera” digitano compulsivamente contro le istituzioni e chi le rappresenta, forse ignorando i più elementari principi di legge che connaturano come reato quel loro costante sobillare di violenza contro il Sindaco e l’amministrazione. Le parole sono anche azioni. Giova ricordare l’articolo 612 del Codice penale che riguarda l’aspetto della violenza verbale. “In caso di accertata colpevolezza si prevedono pene fino ad 1 anno di reclusione”. L’articolo è applicabile se qualcuno viene minacciato in modo grave. L’enorme effetto di “cassa di risonanza”, di trascinamento che causano commenti inappropriati, virulenti, rabbiosi ed aggressivi, spesso a prescindere dalla loro effettiva veridicità, può risultare pericoloso tutte le volte che l’oggetto del messaggio diffuso abbia carattere denigratorio ed infamante, nonché lesivo e pericoloso nei confronti del suo destinatario.

Le persone pensano di poter scrivere liberamente perché legittimate dal principio dell’articolo 21 della Costituzione italiana: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Tuttavia, quando il pensiero integra gli estremi di reato, a nulla serve aver cancellato il post, il reato si è già consumato. Facebook favorisce una diffusione immediata, raggiugendo un numero illimitato di utenti che non può essere controllato e l’effetto domino che consegue è assolutamente pericoloso. La società civile e chi ne fa parte ha l’obbligo giuridico di osservare le leggi codificate nonché il dovere morale di rispettare i consociati e le Istituzioni, quest’ultime espressione di tutela degli interessi della comunità.

Offendere o minacciare il Sindaco e le istituzioni tutte è reato che colpisce e lede l’intera comunità di Corigliano-Rossano.

L’aggressività cerca consenso e funziona su meccanismi di adesione a un gruppo ideale con i cui valori identificarsi. Proporsi aggressivamente è una scintilla scontata per innescare un’escalation di reazioni sempre più dure, impedendo di fatto ogni possibilità di incontro e di dialogo in favore dell’idea di esercitare un qualche scadente esercizio di potere.

La conseguenza più diretta del linguaggio dell’odio è soffocare il tempo e lo spazio della riflessione. E, di conseguenza, soffocare il tempo e lo spazio per esercitare una vera libertà. Invitiamo tutti – rappresentanti politici e cittadini – a tornare ad abitare, sui social come de visu, uno spazio più ampio di confronto, di pensiero, di approfondimento, soppesando le cause e conseguenze delle proprie parole, scritte o proferite a voce. È necessario tornare a moderare i toni, a prendere coscienza reale ed effettiva del momento storico che il mondo intero sta attraversando, a chiedere spiegazioni, anche a pretendere risposte, ma con toni civili e moderazione.

Chiudiamo con un messaggio di Papa Francesco che invita alla concordia, ad un ritorno ad un sereno e condiviso di scambio di idee.

«Siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo trovati su una stessa barca fragili e disorientati, ma allo stesso tempo importanti e necessari, chiamati a remare insieme e a confortarci a vicenda. Su questa barca ci siamo tutti. E ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo. Ma solo insieme. Nessuno si salva da solo» (Comunicato stampa).

 

LA MAGGIORANZA CONSILIARE

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *