Corigliano Rossano, la Fusione resta in piedi: rigettato il ricorso dai giudici del Tar



La fusione resta in piedi, il Tar della Calabria respinge il ricorso presentato da alcuni cittadini di Corigliano Rossano dichiarandolo in parte inammissibile e in parte irricevibile.

Il ricorso era stato istruito contro la Regione Calabria, la Prefettura, il Ministero dell’Interno e la presidenza del Consiglio dei ministri. Si erano costituiti in giudizio anche comitati civici pro fusione e il Consigliere regionale primo firmatario della legge sulla fusione Giuseppe Graziano. Era stato chiesto: l’annullamento del decreto indizione del presidente della Regione del referendum consultivo sul nuovo comune e delle delibere dei consigli comunali degli ex Comuni di Corigliano e di Rossano che aderivano al progetto di fusione.

Per i ricorrenti si trattava di atti illegittimi a causa di presunti vizi formali.  In particolare sul referendum si contestava  «l’esclusione dei cittadini comunitari residenti in entrambi i comuni» e l’avere «la norma regionale eleminato il quorum costitutivo a fronte della diversa previsione dello Statuto regionale che lo determina per i referendum consultivi nel 30%». Hanno resistito al ricorso il Comune di Rossano, la Prefettura di Cosenza, il Ministero dell’interno e la Presidenza del Consiglio dei Ministri eccependo l’inammissibilità del ricorso per difetto di giurisdizione e di legittimazione. Tesi accolte dai giudici del Tar di Catanzaro che hanno rilevato anche la tardività del ricorso presentato.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.