Corigliano Rossano, guerra in Ucraina: disapprovazione della Uil – sanità

Con profonda tristezza, ancora una volta, gli eventi quotidiani ci riportano al noto pensiero di Martin Luther King: “Più che le urla dei violenti, temo il silenzio degli onesti”. Perciò, la UIL-fpl area medica jonica e comparto sanitario, non rimangono in silenzio di fronte alla dissennata tragedia della guerra in Ucraina. Ben al di là di convinzioni politiche e/o religiose, non possiamo tacere la nostra totale disapprovazione e il nostro orrore per quanto sta accadendo e soprattutto per le sofferenze terribili inflitte al popolo ucraino. In queste ore, civili inermi, anziani, donne, bambini, soffrono terrorizzati, costretti a vedere le proprie case distrutte, a vivere di stenti in cantine, senza cibo e sovente senza acqua, sotto i bombardamenti, che hanno già ucciso migliaia di loro. In particolare, il nostro pensiero va ai tanti malati,bambini,donne e anziani che non possono essere curati negli ospedali in questo regime di guerra, aumentando in modo esponenziale le loro sofferenze fisiche e psichiche.

Non possono esistere giustificazioni per tanta violenza, che ci rammenta le tristi parole di Salvador Allende, quando parla della: “Storia ignominiosa di quelli che hanno la forza ma non la ragione”. Vogliamo e dobbiamo affermare, forte e chiaro, che condanniamo senza remore l’aggressione brutale contro un popolo libero ed innocente. Convinti di interpretare all’unisono il pensiero di tutto il personale del settore sanitàauspichiamo, sommessamente ma con fermezza, che prevalga un barlume di luce e si ponga al più presto fine a tanto scempio, perché, con Pio XII: “Con la guerra, tutto è perduto”.

Un abbraccio di pace e per la pace, a tutti.

CoriglianoRossano 8 Marzo 2022

Segreteria  UIL fpl  – Comparto sanitario

Area Medica Jonica & SPOKE Corigliano-Rossano

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *