Corigliano Rossano. Digitalizzazione archivi, finanziamento da 20mila euro



CORIGLIANO ROSSANO – Favorire la fruibilità del patrimonio storico-culturale custodito nell’archivio storico cittadino. Garantire una facile consultazione e la conservazione di documenti antichi, preservandoli dall’usura del tempo. Migliorare le condizioni strutturali dell’archivio.

È sotteso a questi obiettivi il progetto realizzato dall’Ufficio Europa Memorie Digitali – Progetto di valorizzazione degli archivi storici del Comune di Corigliano-Rossano verso la realizzazione di un archivio storico digitale e multimediale.

La Giunta Comunale, nei giorni scorsi, ha preso atto del finanziamento di 20mila euro da parte del dipartimento Turismo Istruzione, Cultura e Beni Culturali della Regione Calabria. L’Ente co-finanzierà il progetto con 2 mila euro.

È quanto fa sapere l’assessore alla Città della Cultura e della Solidarietà Donatella Novellis sottolineando, anche a nome del Sindaco Flavio Stasi, l’importante valore del progetto per la realizzazione di questa forma di archiviazione dei contenuti, attraverso la tecnologia informatica, utilizzando la memoria e che contemporaneamente rappresenta una forma di comunicazione della memoria su piattaforme web e social media.

Atti, testi e immagini del periodo storico compreso tra il XVI ed il XX secolo che fanno parte del patrimonio storico-culturale di Corigliano-Rossano saranno catalogati e digitalizzati per garantirne, da un lato, l’accesso ad un pubblico più ampio e, dall’altro, per assicurarne la conservazione nel tempo. L’archivio è composto da 23.476 pezzi ai quali si aggiunge una raccolta di 7mila tra foto e documenti digitali su supporto informatico donati dalla famiglia Massoni.

Il progetto prevede sei macrointerventi: riordino e catalogazione dei dati contenuti nei due archivi di Palazzo San Bernardino e nell’ex Municipio dell’Area Urbana di Corigliano, inserimento dei dati e utilizzo del software per pervenire alla realizzazione della guida topografica, individuazione dei documenti da sottoporre a restauro, acquisizione digitale, pubblicazione della guida topografica sul sito dell’ente e collegamento con il sistema archivistico nazionale, installazione del software su pc per favorirne la fruizione all’interno dell’archivio (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.