Corigliano-Rossano, biblioteca “Pometti”: attivata la sala studio |VIDEO

Una sala studio dotata di tavoli e sedute in numero sufficiente da accogliere ogni giorno più di quaranta utenti (oggi dimezzati per norme antiCovid). È la novità della Biblioteca comunale Francesco Pometti, che si arricchisce di un luogo di ritrovo sociale e culturale nella Sala dedicata a Enzo Viteritti, finora provvista solo di scaffalature e destinata alla convegnistica con sedute rimovibili. Le postazioni sono ampie e funzionali e permettono una disposizione comoda tra gli utenti. Questa azione, avviata nell’ottobre del 2020, si inserisce nell’ottica delle attività dell’Amministrazione Comunale tese a promuovere la nascita e l’implementazione di punti di riferimento volti alla crescita umana e culturale della comunità.

L’importanza di garantire spazi pubblici a disposizione dei cittadini destinati allo studio, individuale e aggregato, ha permesso la progettazione di sale studio all’interno della comunale “Francesco Pometti” e del Centro d’Eccellenza di via Niccolò Macchiavelli, nel centro storico e allo scalo di Corigliano. Questo permette anche di riqualificare e rifunzionalizzare il patrimonio immobiliare comunale. Dal 2015 è situata nel complesso architettonico della Riforma, che ospitava lo storico convento dei padri riformati, con annessa la chiesa della Riforma, consacrata nel 1686 a Santa Maria di Costantinopoli.  La Biblioteca conta 82.000 pubblicazioni tra volumi e opuscoli, di cui 10 incunaboli (libri pubblicati tra il 1455 e il 1500), 180 Cinquecentine,  320 Secentine, 1.500 Settecentine e 500 edizioni dell’800, 292 periodici e 68 giornali. Possiede inoltre il fondo speciale della Biblioteca del Convento dei Padri Liguorini. Un’ulteriore novità riguarda gli orari di apertura, che si ampliano al pomeriggio e permettono l’accesso dal lunedì al  venerdì dalle 15 alle 18. La popolazione studentesca, universitari e studiosi hanno espresso massima soddisfazione per l’attivazione del servizio.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Martino Rizzo ha detto:

    Ottima iniziativa. La biblioteca Pometti è una risorsa della Città che merita rispetto e valorizzazione continua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *