CORIGLIANO: DUE CICOGNE MORTE, S’IPOTIZZA L’AVVELENAMENTO

CORIGLIANO-CICOGNE-100615 (4)

LA PRESA DI POSIZIONE DELLA LIPU

Due individui adulti di Cicogna bianca sono stati rinvenuti morti nella zona di Thurio nel comune di Corigliano Calabro (Cs). A darne notizia è la Lipu di Rende che da anni monitora i nidi di Cicogna nell’ambito del progetto Cicogna bianca Calabria.

Informati da un cittadino che ha notato le carcasse, i volontari della Lipu si sono subito recati sul posto constatando l’effettiva presenza delle due cicogne senza vita, l’uno accanto all’altro, a circa 100 metri dal nido dove la coppia aveva dato alla luce un unico giovane ancora presente sul nido. I corpi sono stati recuperati e, anche per tramite l’ASL e l’Assessore all’Ambiente del Comune di Corigliano, affidati all’Istituto Zooprofilattico di Cosenza, che provvederà alle analisi.
Grazie all’intervento dell’Unità operativa Enel di Rossano, resasi prontamente disponibile, la giovane cicogna, rimasta isolata sul nido e non ancora in grado di volare, è stata recuperata e trasferita al CRAS di Rende per sottoporla alle cure del caso.

“Sospettiamo si tratti di due casi di avvelenamento” hanno dichiarato i responsabili della Lipu recatesi sul posto“ il che sarebbe davvero incomprensibile, un atto gravissimo ai danni di una specie protetta che proprio grazie al lungo lavoro della Lipu, sta ricolonizzando da circa 12 anni alcune province calabresi in alcuni ambienti agricoli tipici della specie. In Calabria la specie è attualmente presente con 18 coppie tra le province di Cosenza e Crotone, tutte nidificanti su nidi artificiali appositamente predisposti dalla sezione di Rende. La Cicogna bianca negli ultimi 30 anni ha avuto un forte incremento numerico della popolazione nazionale, dopo un’assenza di oltre 500 anni. Per questo sporgeremo denuncia contro ignoti e invitiamo le autorità a fare davvero tutto il possibile per individuare i responsabili”.

Sezione provinciale LIPU
Delegazione di Rende (Cs)
www.lipurende.it

CORIGLIANO-CICOGNE-100615Foto K. Werner

COMUNICATO COMUNE DI CORIGLIANO
Coppia di cicogne bianche ritrovate morte in Contrada Ricota Grande. Richiesto l’intervento dei medici veterinari dell’Asp per fare luce sulla causa del decesso. L’assessore Marisa CHIURCO ringrazia i volontari per il tempestivo intervento. Questa specie è tornata a nidificare in Calabria dopo 500 anni; la Regione Calabria approvi il protocollo per la tutela di questi animali. Non facciamoli andare via.

In Italia si contano 250 esemplari di cicogne bianche; sono 18 le coppie ufficialmente censite nel territorio regionale. Due di queste sono state ritrovate morte, nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 9 giugno, nelle immediate vicinanze del nido artificiale costruito ad hoc dalla LIPU per favorire la permanenza di questa specie sul territorio.

Una piattaforma posizionata su un traliccio dell’Enel, una sorta di grosso nido circolare in legno installato qui a Corigliano, come in altri siti della Sibaritide, con l’obiettivo di attirare le cicogne in migrazione ed invogliarle a nidificare in Calabria. Al suo interno c’era anche il pullo, il cucciolo di cicogna, che è stato prelevato grazie agli operai dell’ENEL intervenuti e trasferito presso il CRAS – il Centro di Recupero per Animali Selvatici di Rende.

Sul posto sono intervenuti i volontari della LIPU Salvatore GOLIA e Maria Maddalena SALERNO ed il medico veterinario dell’Asp che ha seguito le operazioni di recupero delle due carcasse.

Custodia delle carcasse in attesa che le stesse venissero trasferite presso il laboratorio di profilassi. L’Assessore Marisa CHIURCO intervenuta personalmente sul posto ringrazia i volontari della LIPU per il tempestivo intervento e la disponibilità offerta a custodire i due corpi di cicogna senza vita. Sapere perchè sono morte è importante per gli animali stessi e soprattutto per la gente che abita questa contrada.

La Regione Calabria – è l’appello – sottoscriva, come già fatto con altre specie animali – il protocollo per la tutela e salvaguardia delle cicogne bianche, attrattiva naturale di questo territorio.

Il risultato delle analisi sarà consegnato nei prossimi giorni.(comunicato)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.