Corigliano. Corrado (Mov. del Territorio): Gravi infiltrazioni di acqua, intervenga il il Comune

A seguito ad una segnalazione pervenutaci da una cittadina residente in Corso Garibaldi, nel centro storico di Corigliano, questa mattina mi sono recato direttamente sul posto per effettuare un sopralluogo.

Ho così avuto modo di verificare lo stato di disagio che questa nostra concittadina sta vivendo da diverso tempo, ovvero una costante presenza di infiltrazione di acqua nella sua proprietà dovuta ad una probabile perdita dei tubi sotterranei che percorrono la strada pubblica, presente nella parte superiore della proprietà. Un vero e proprio disagio che, se non risolto in modo tempestivo, può rappresentare un importante problema in termini di danni materiali e strutturali all’immobile in questione”.

È quanto dichiara, in una nota, Gianni Corrado, esponente del “Movimento del Territorio con Pasqualina Straface”.

La situazione verificata personalmente (e della quale si allegano foto) ha dell’indicibile e abbisogna dell’immediato intervento dell’Amministrazione Comunale affinché si eviti qualsiasi spiacevole episodio. A tutto ciò occorre denunciare, inoltre, la presenza di un cattivo odore dovuto allo sversamento di acque di tipo fognario nella parte inferiore (nelle immediate vicinanze del torrente Coriglianeto) di Vico 2 Corso Garibaldi. Tutto questo denota, per l’ennesima volta, l’assenza di controllo e manutenzione del territorio comunale e, nella fattispecie, della parte più antica e alta del centro storico coriglianese, che necessita, invece, di adeguata e quotidiana attenzione, così come le frazioni del territorio che sono prive di quella opera di vigilanza e assistenza di competenza dell’Amministrazione Comunale e dei preposti uffici. I cittadini – prosegue Corrado – non possono vivere in queste condizioni, privati dei più elementari diritti eppure regolarmente soggetti al pagamento dei tributi comunali, a fronte di servizi pubblici non erogati affatto o, nella migliore delle ipotesi, erogati in modo mediocre”.

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *