Coldiretti Rossano. Gino Vulcano lascia la segreteria, chiamato a incarichi dirigenziali in Puglia

Gino Vulcano lascia la Segretaria di Zona della Coldiretti di Rossano.

Dopo 17 anni come segretario di zona, è stato chiamato a svolgere ruoli dirigenziali in Puglia per la Coldiretti regionale. Il suo percorso in Coldiretti è iniziato nel 2000, quando venne incaricato come tecnico agronomo di riferimento per la sezione di Rossano, dopodiché ha svolto la stessa mansione per l’associazione olivicola. Poi, nel 2005, è diventato segretario di zona di Coldiretti Rossano e da lì è iniziato il lavoro di rappresentanza per Coldiretti nel territorio che va da Rossano a Cariati, rafforzando i rapporti con i coltivatori e portando avanti le battaglie a loro sostegno.

 

In questi anni, con Vulcano la segreteria ha lavorato per la difesa e la valorizzazione; importante il legame instauratosi con i sindaci, che sono stati tenuti costantemente al centro dell’attività sindacale. Non è un caso che la Coldiretti sia diventata in poco tempo una vera e propria sentinella del territorio, non solo in termini prettamente agricoli ma anche nei riguardi delle inefficienze del sistema, delle condizioni climatiche (dalle alluvioni alle nevicate), della manutenzione delle strade interpoderali e del decoro urbano (vedi l’adozione della rotonda in Viale  Michelangelo). Da ricordare l’avvio di iniziative e attività con l’istituto tecnico Agrario e Alberghiero di Rossano (dal cui sodalizio è partita una nuova visione di scuola e agricoltura) e il lavoro di tutela della biodiversità, come quello sulla Leucocarpa (l’Oliva Bianca) che è stata riportata alla ribalta mediatica e istituzionale a livello regionale e nazionale. Non ultimo, la pianificazione, non facendo mancare di far sentire la propria voce sui grandi temi nella costruzione del futuro dell’area jonica. A tutto questo, è seguito il lavoro certosino con i piccoli produttori agricoli, che sono stati accompagnati nel loro cammino di crescita e di costruzione della propria realtà aziendale, per affrontare degnamente il mercato: guidandoli ad esempio a etichettare i prodotti e a costruire un’immagine forte e distinguibile fra le altre.

 

Il presidente di zona Coldiretti Rossano, Antonino Fonsi, saluta il segretario Vulcano insieme a tutti gli associati e all’ex presidente Ranieri Filippelli, certi che il lavoro di squadra intrapreso negli anni non si interromperà con la sua promozione.

 

«Sin dal giorno della mia elezione, Gino Vulcano si è posto nei miei riguardi come un amico, sempre nel rispetto delle regole e delle istituzioni, sostenendomi  non solo nell’impegno quotidiano rivolto alle aziende socie, ma anche da un punto di vista morale, perché sapere di condividere le difficoltà e le battaglie permette di alleggerire il carico e raggiungere prima l’obiettivo. E così è stato in questi anni. Le sue grandi capacità organizzative e relazionali hanno permesso alla nostra segreteria di distinguersi e di portare a termine il proprio compito con grandi risultati. Gli faccio un grosso in bocca al lupo per la sua carriera, certo che il suo percorso personale aiuterà a crescere anche la nostra area territoriale» ha commentato il presidente Fonsi.

 

Proseguirà il lavoro di Vulcano il segretario di zona Coldiretti Corigliano, Alessandro Piluso. Il doppio incarico affidato a Piluso non avvierà di fatto un accorpamento di gestione della segreteria tra le Sezioni di Rossano e di Corigliano, che continueranno a mantenersi distinte nelle sedi e nelle rispettive attività associative.

 

A Bari l’arrivo di Gino Vulcano, attualmente in fase di affiancamento prima di essere assegnato a un ruolo dirigenziale, è stato accolto con entusiasmo. Il direttore regionale di Coldiretti Puglia, Pietro Piccioni, così lo accoglie: «Vulcano arriva in una regione importante, la più importante in Italia in termini agricoli e la sua professionalità porterà linfa nuova e arricchirà di nuovi spunti e nuove idee la dirigenza regionale. Le sue esperienze arrivano dalla Calabria, una terra ricca e complessa, dove il lavoro svolto ha portato evidenti frutti. L’augurio è di intraprendere un percorso comune tra le regioni per far crescere il Sud, la cultura del Sud e la sua imprenditoria affinché tutto il Meridione possa raggiungere traguardi sempre più alti» ha concluso il direttore Piccioni (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.