Co.Ro. Music Fest, la stagione dei concerti. Stasi: Un’estate che segna la rinascita



CORIGLIANO-ROSSANO – La musica è come la vita: si può fare in un solo modo, insieme (Ezio Bosso).

A Corigliano-Rossano sarà l’estate dei grandi concerti, della musica che rimbomba forte dalle casse, dell’adrenalina che sale, di battiti, di note e di cuore. L’estate senza distanziamento, del muoversi in sincrono, tra piazze e anfiteatro. Un viaggio nella musica fatto di visioni e sensazioni da vivere in libertà.

Dal pop più glam, alla canzone d’autore, dall’impegno alla tradizione, al rap di tendenza, questo è il Co.Ro. Music Fest, che presentiamo in anteprima, in attesa di annunciare il cartellone complessivo del Co.Ro. Summer Fest.  Una stagione che innova e rinnova, che non abbandona la tradizione ma si veste di nuovo per stupire e lasciare stupiti.

Flavio Stasi

«Un’estate che segna la rinascita. Dopo gli eventi del Mese dell’Europa, la ripresa della storica “Corri e Cammina” – ha dichiarato il sindaco Flavio Stasi – ci prepariamo ad un cartellone di eventi strutturato, sia con eventi legati alla tradizione e storicizzati sia con una serie di novità che saranno presentate nel corso dei prossimi giorni. Oggi mettiamo un primo importante tassello, con l’annuncio degli artisti protagonisti dei grandi concerti. Artisti di rilievo e per tutti, dal pop al rap, ai cantautori».

«Abbiamo lavorato ad un programma estivo di qualità – afferma l’assessore al Turismo Costantino Argentino – che vedrà protagonista l’intera città, dai centri storici alle contrade. Oggi presentiamo il cartellone della grande musica, con alcuni degli artisti più rappresentativi del panorama del Paese, in grado di attrarre cittadini e turisti di ogni età e cultura musicale».

Si parte il 4 agosto con Francesco Gabbani al Palmeto di Schiavonea, reduce dal successo televisivo del programma “Ci vuole un fiore” su Rai Uno e a pochi mesi dalla pubblicazione dell’album “Volevamo solo essere felici”. Cantautore e polistrumentista, Gabbani unisce un’indiscussa capacità creativa e compositiva all’originalità dei testi, che ne fanno uno degli artisti più originali della scena nazionale, capace di ottenere svariati premi e riconoscimenti.

Si prosegue il 5 agosto con Enzo Avitabile e i Bottari, sempre al Palmeto di Schiavonea.  Compositore e musicista tra i più originali, dotato di grande carica emotiva e di suggestione, Avitabile, simbolo della contaminazione tra generi e maestro del groove, è l’artista italiano, che, partendo dalla tradizione popolare napoletana e del Sud, riesce, come nessun altro, a cogliere il respiro delle genti che vivono nelle periferie esistenziali di tutto il mondo.

Entrambi i concerti sono gratuiti.

Il 10 agosto, al Quadrato Compagna (evento a pagamento), sarà la volta di un appuntamento eccezionale con il grande compositore e direttore d’orchestra Premio Oscar, Nicola Piovani, destinatario di moltissimi premi e riconoscimenti internazionali. Il Maestro presenterà lo spettacolo “La musica è pericolosa – Concertato”, un racconto musicale polistrumentale (pianoforte, contrabbasso, percussioni, sax, clarinetto, chitarra, violoncello, fisarmonica) che sintetizza l’originale e trasversale percorso creativo dell’artista.

Le due date di Ferragosto, il 14 e il 15, vedranno rispettivamente protagonisti Max Gazzè e Tiromancino, entrambi a Piazza Steri, entrambe gratuite.

Artista eclettico e poliedrico, bassista d’eccezione, straordinario musicista, compositore di opere “sintoniche” e colonne sonore, autore multiplatino, Gazzè è un artista a tutto tondo, capace di spaziare dal punk al pop, fino alla composizione sinfonica.

I Tiromancino, fondati da Federico Zampaglione nel 1989, costituiscono una band intergenerazionale, sulla cresta dell’onda da un trentennio, la cui cifra è la costante ricerca di sonorità non convenzionali nella composizione, unite ad una non comune capacità di scrittura. “Ho cambiato tante case” è il loro ultimo progetto discografico: un album composto da dodici tracce e in cui compaiono, come featuring, anche le voci di Carmen Consoli e Franco126.

Il 27 agosto sarà la volta di Frah Quintale all’Anfiteatro De Rosis, evento a pagamento. «Con il disco di Frah Quintale si definisce l’epoca dello street pop in Italia». «La gente sotto il palco impazzisce». Così Vice e Rolling Stone parlano del rapper italiano più importante del momento, Frah Quintale, già noto per essere metà del duo Fratelli Quintale, in scena il 27 agosto all’Anfiteatro De Rosis (evento a pagamento). Non occorre aggiungere altro alle recensioni delle due riviste musicali più importanti d’Italia, che inquadrano uno dei più originali artisti della nuova leva di autori e musicisti.

Ma non finisce qui: sono in via di definizione altri eventi straordinari della grande musica di Co.Ro. Music Fest.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.