Cella frigorifero obitorio non funzionate. Salta autopsia cadavere a Rossano

Cadavere maleodorante e in stato di decomposizione presso l’ obitorio dell’ospedale “Giannettasio” di Rossano. Al medico legale è impedito poter procedere all’espletamento dell’esame autoptico. La Procura di Castrovillari apre un’indagine. E in due finiscono sott’inchiesta: un medico della direzione sanitaria in servizio e un operatore ausiliario. Il problema nasce dal mal funzionamento di una delle celle frigorifero utili a mantenere in stato di conservazione la salma. Ci si chiede come possa verificarsi che non vi siano dispositivi in grado di segnalare un guasto o un disservizio? Così come, in un ragionamento più ampio, si ritiene insufficiente la presenza nel solo ospedale di Rossano di un obitorio con celle frigorifero (dovrebbe servire per i decessi interni al nosocomio) e non già presso il locale cimitero, come da regolamento di polizia mortuaria per i Comuni al di sopra dei 20mila abitanti. Su disposizione della Procura i Carabinieri hanno posto sotto sequestro la sala autoptica al cui interno vi sono due celle frigorifero (compresa quella che ha avuto il problema) per verificare le cause del malfunzionamento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *