Cassano. Papasso: Proroga commissariamento non fa bene alla città



papasso
Giovanni Papasso

Cassano – Gianni Papasso: «Sono sempre abituato a rispettare le decisioni che gli organi istituzionali, di volta in volta, assumono. Non sono d’accordo, però, con la proroga del commissariamento del comune di Cassano. Sono certissimo di poter affermare che la decisione non trova d’accordo la stragrande maggioranza dei cittadini cassanesi.
Prendo atto che si tratta di una linea governativa. Infatti, insieme a Cassano, sono stati prorogati i commissari anche nei comuni di Petronà e Isola di Capo Rizzuto.
Cassano è caduta nell’oblio ed è nel più completo abbandono. Problemi vecchi e nuovi stagnano. L’intervento dei velisti indignati, a cui esprimo solidarietà e vicinanza, e della Procura della Repubblica, per la questione dello Stombi, è chiara ed emblematica testimonianza.
Anche la triste vicenda del cimitero, in cui prepotente è ritornata la speculazione, è ulteriore e concreta dimostrazione.
Ovviamente la mia non vuole essere assolutamente una polemica con la commissione straordinaria. Intendo, ancora una volta e nonostante le provocazioni, assumere un comportamento chiaramente istituzionale.
Nessuno si deve dolere, però, se affermo che Cassano sta morendo, è nel completo abbandono e non merita ulteriore criminalizzazione! Siffatta situazione non fa bene al territorio, ai suoi cittadini, in particolare ai più giovani.
Sarebbe stato più giusto consentire libere e democratiche elezioni, per dare la possibilità ai cassanesi di scegliersi il loro gradito sindaco, per rimettere in cammino la città e avviare quella necessaria ripresa che la bella e splendida Comunità merita» (Comunicato Stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.