Cassano Ionio. Infiltrazioni mafiose, non luogo a procedere per il sindaco Papasso



Cassano all’Ionio – Dopo i Tribunali civili, anche in sede penale cadono le accuse nei miei confronti relative ai fatti inerenti lo scioglimento del Consiglio Comunale di Cassano All’Ionio per presunte infiltrazioni mafiose.

La Procura di Castrovillari mi aveva mosso contestazioni in ordine a tre procedimenti: avrei, insieme ad altri, pilotato l’affidamento dell’appalto di manutenzione del verde pubblico per assegnarlo in via diretta alla Big Unica srl; avrei, sempre in concorso con altri, turbato alcune procedure di gara e affidato lavori senza la necessaria verifica antimafia alla Garofalo Group, amministrata dalla sorella dell’allora Presidente del Consiglio, eludendo l’intervenuta interdittiva nei confronti della ditta; in ultimo, i magistrati inquirenti castrovillaresi, contestavano a me e ad altri di aver concesso, illegalmente, ad alcuni membri della famiglia Maritato (la tristemente nota “Pratica Maritato”) la locazione di terreni comunali in contrada Bruscate, impedendo l’espletamento di una gara pubblica e procurando loro un ingiusto vantaggio, con corrispondente danno per il Comune.

Giovanni Papasso

Oggi (giovedì 10 febbraio) con una sentenza, il Giudice per le Udienze Preliminari del Tribunale di Castrovillari, dottor Lelio Festa, ha ristabilito la verità dei fatti e ha deliberato il non luogo a procedere per me e per gli altri indagati nel procedimento relativo alla “Pratica Maritato” perché il fatto non sussiste; per gli affidamenti alla Big Unica e alla Garofalo Group ha sancito nei miei confronti e in quelli dell’allora segretario comunale, il non luogo a procedere per non aver commesso il fatto.

Finalmente, arriva un ulteriore tassello che aiuta a ricostruire in maniera oggettiva ciò che è accaduto nel Comune di Cassano tra il 2016 e il 2017 e che conferma che ho subito, insieme alla città tutta, una gravissima ingiustizia.

La sentenza di oggi conferma a chiare lettere che ho sempre agito correttamente nell’amministrare la cosa pubblica, senza commettere errori o intraprendere azioni al di fuori del solco della legalità.

Oggi, finalmente, vivo un’altra giornata di bellissima giustizia, che fa chiarezza su tante accuse infondate e su questioni che mi hanno profondamento turbato dal punto di vista personale.

Una giornata che, soprattutto, mette la parola fine ad una pagina drammatica per la Città di Cassano, per i miei amici, i miei collaboratori e tutta la mia famiglia.

Sento doveroso ringraziare l’amico e grande professionista, l’avvocato Franz Caruso, insieme al suo collaboratore, mio figlio Gaetano, per l’eccellente lavoro fatto in mia difesa.

 

Gianni Papasso – Sindaco di Cassano

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.