Cassano: per Iacobini necessario intervento Commissione d’accesso agli atti

Per Ivan Iacobini e il gruppo consiliare “Iacobini sindaco – Un nuovo Inizio” il marasma generale che si è creato, i dubbi, le incertezze che gravitano ormai intorno al comune possono essere dissipati solo attraverso l’azione e l’intervento di un organo terzo super partes: «Ben venga la commissione di accesso agli atti se serve a fare chiarezza e a togliere la città di Cassano da questo forte imbarazzo».
«Se Garofalo non c’entra, perché allora è stato cacciato? Perché gli viene chiesto di fare un passo indietro? O Garofalo non ha colpe, e allora non si comprende perché è stato rimosso, oppure se colpe – sia pur solo politiche – ci sono, Papasso non può tirarsi fuori cercando di nascondere il polverone sotto il tappeto. Se una maggioranza va in crisi è per proprio demerito e non per azione dell’opposizione. Il presidente del consiglio sfiduciato è uomo della maggioranza sin dal 2012, essendo stato comprimario per la vittoria di Papasso stesso, consigliere comunale e assessore dal 2102 al 2015 e, nella nuova consiliatura, presidente nel consiglio. Non capiamo perché oggi venga così rinnegato dal suo stesso gruppo o perché il sindaco si ostini a scaricare la colpa sull’opposizione». Attraverso la commissione d’accesso agli atti non si potrà che fare chiarezza: «se sarà tutto in ordine saremo più soddisfatti, tranquilli e sereni. Ci farà solo piacere sapere che in comune tutto si è svolto, si svolge e si svolgerà secondo legalità. Certo è che se si sono verificate queste situazioni e si è arrivati a questo punto, qualche dubbio è legittimo nutrirlo».
(Fonte:La Provincia)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *