Cariati: protesta ospedale, i pescatori in corteo |VIDEO

Cariati: protesta ospedale, i pescatori in corteo

Da Cariati a Trebisacce la mobilitazione non si ferma: due comunità colpite un decennio fa dalla soppressione dei due presidi ospedalieri dall’allora presidente ma anche commissario alla sanità Peppe Scopelliti. Da allora ad oggi si continua a chiedere giustizia per una chiusura che viola i principi cardini della costituzione italiana con riferimento al diritto alla salute. A Cariati, nel pomeriggio di oggi, i pescatori con tutte le imbarcazioni hanno dato vita a una manifestazione di sostegno al movimento Le Lampare e del movimentismo civico che da oltre 90 giorni sono in presidio permanente in quel che resta dell’ospedale di Cariati. Tutte le barche a largo dell’area antistante il porto di Cariati si sono posizionate a forma di H in mare quale simbolo di riapertura del presidio. L’iniziativa è stata sostenuta anche dalla Lega Navale. Tra le principali rivendicazioni: l’inserimento nella rete ospedaliera regionale del “Cosentino”, compentenza esclusiva del commissario ad acta Guido Longo che, però, sul “caso Cariati” non si è ancora pronunciato. Attualmente il presidio cariatese è un assemblaggio di ambulatori e un punto di pronto intervento. Per i pescatori la riapertura del nosocomio non equivale solo all’applicazione del diritto alla salute ma costituisce anche un indotto economico per una comunità il cui tessuto sociale soffre gravemente la crisi. Nonostante le dichiarazioni favorevoli del sottosegretario Sileri e il sostegno del governatore della Calabria Nino Spirlì, nessun segnale positivo emerge dalla vertenza in atto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *