Cariati. Le Lampare: In Calabria si ci indebita per curarsi più che nel resto d’Italia

Ci si riempie la bocca del concetto di “medicina territoriale”, ogni giorno leggiamo comunicati roboanti da parte delle dirigenze, politici e commissari alla sanità, ma nel frattempo, sul territorio ionico di cui Cariati è riferimento, continuano a mancare gli specialisti e i servizi ambulatoriali continuano a essere annullati.

ospedale Cariati

Solo nel Vittorio Cosentino, nel presidio ospedaliero, negli ultimi mesi sono letteralmente spariti, per esempio, i seguenti specialisti:

Endocrinologo
Otorino
Diabetologo
Ortopedico
Fisiatra
Chirurgo
Dermatologo.

Figure mai rimpiazzate o del tutto assenti.
Chiediamo alla Dirigenza del Distretto Sud, al Commissario Asp di Cosenza Antonello Graziano di dare risposte nell’imminenza per rimediare ai disagi a cui si stanno costringendo migliaia di cittadini.

Chiediamo che vengano bandite le ore di specialistica e che vengano fatte scorrere le graduatorie.
Chiediamo di intervenire in linea a ciò che sarà, secondo gli impegni presi, della struttura!
Gli ospedali e i presidi ospedalieri come anche quelli territoriali non si aprono con una chiave ma con personale e strumenti.

In questo senso chiediamo e pretendiamo maggiore attenzione per il territorio.

Ogni volta che viene chiuso un servizio pubblico ci ritroviamo ad andare dai privati, spendendo ingenti quantità di denaro, in un periodo di crisi che sta per diventare spaventoso.
La Calabria è la Regione che vede i suoi cittadini indebitarsi per curarsi, più che nel resto del territorio nazionale.

Associazione Le Lampare

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *